Anci Giovane: se hai meno di 35 anni

Sindaci, assessori e consiglieri comunali. Purchè giovani. Tutti insieme nell'Anci

Gli amministratori under 35 saranno presto riuniti in Anci Giovane, la Consulta nazionale dei giovani amministratori che raccoglierà sindaci, assessori e consiglieri comunali. La costituzione ufficiale della speciale sezione di Anci avverrà a Bastia Umbra nell’assemblea del 25-28 ottobre

Anci Giovane è la Consulta dell’Anci che raccoglie sindaci, assessori e consiglieri comunali accomunati dall’essere under 35. La nascita ufficiale della consulta sarà sancita in occasione dell’assemblea nazionale dell’associazione che si terrà a Bastia Umbra dal 25 al 28 ottobre prossimi. Anci Puglia parteciperà all’incontro con una delegazione, eletta nel corso dell’assemblea regionale dei giovani amministratori dello scorso 26 settembre, composta da Sergio Paolo Silvestris, coordinatore regionale e consigliere comunale a Bisceglie e da altri sette componenti: Maria Bruno, assessore a Specchia, Mauro D’Attis, assessore a Brindisi, Irma Melini consigliere circoscrizionale a Bari, Francesco Miglio assessore a San Severo, Francesco Stella assessore a Melendugno, Massimo Tavaglione assessore a Vico del Gargano e Alessio Valente, consigliere a Gravina di Puglia. Obiettivi del nuovo organismo di rappresentanza dell'Anci sono favorire e stimolare l'incontro e l'interscambio di opinioni delle diverse esperienze locali dei giovani amministratori; creare un osservatorio nazionale sulla nuova classe dirigente locale, per conoscere e monitorare il fenomeno relativo alla presenza dei giovani nelle amministrazioni locali; promuovere, in collaborazione con la Commissione politiche giovanili dell'Anci, attività di formazione per la nuova classe dirigente locale, anche attraverso l'organizzazione di eventi ed appuntamenti che favoriscano la continua formazione e l'effettivo aggiornamento sulle molteplici tematiche legate agli enti locali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!