Decisamente rosso

Un viaggio tra i vini pugliesi seguendo il filo “rosso” della qualità

Per chi sposa la filosofia che “vino rosso fa buon sangue” è imperdibile “Il piacere del rosso quotidiano (slow on red)” manifestazione enogastronomica che valorizza i sapori del Salento. Appuntamento al Castello de’ Monti di Corigliano d’Otranto

Amanti dello slow food, cultori della buona cucina arriva un gustoso appuntamento di qualità. Con la regia di Slow Food Terra d’Otranto del Comune di Corigliano e con la collaborazione dell’Associazione Italiana Sommelier Orione Marketing prende il via “Il piacere del rosso quotidiano. (slow on red)” che si terrà a Corigliano d’Otranto al Castello de’ Monti domenica 8 ottobre dalle 17.30 alle 21.30. Un pomeriggio dedicato a chi ama assaporare il gusto del vino rosso quotidiano e desidera conoscere l’enogastronomia pugliese attraverso la degustazione di vini di qualità. In contemporanea, tra un sorso e l’altro, per stuzzicare il palato dei cultori del rosso, gli chefs propongono piatti a base di: tarallini in tutte le salse ed al vino Primitivo, friselline caciocavallo stagionato, dolci di pasta di mandorla, marmellata di cipolle al vino Negroamaro.

Un piccolo assaggio: Brindisi Rosso 2003 delle Cantine Due Palme, il Copertino Rosso Apollonio, il Copertino Rosso della Cantina Cooperativa di Copertino, il Gioia Del Colle Aleatico 2003 di Raffaele Giuliani, il Salice Salentino Rosso di Cantele, il Salice Salentino Rosso dei Conti Zecca, il Salice Salentino Rosso Albarosa 2003 di Cosimo Palamà, il Salento Rosso Cappello di Prete 2003 di Francesco Candido, il Puglia Rosso Belmantello 2003 delle Cantine Paradiso, il Puglia Bottaccia 2003 delle Cantine Torre Quarto, il Salento Don Carmelo 2002 di Albano Carrisi, il Salento Rosso Primitivo Latias 2003 di Lomazzi e Sarli, il Puglia Rosso Sine Pari 2003 dell’Azienda Monaci, il Castel Del Monte riserva Vigna Pedale 2002 di Torrevento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!