Porto Cesareo in prima pagina

Torna il periodico dell’amministrazione

Riparte “Foglio Cesarino”, il periodico d’informazione dell’amministrazione comunale di Porto Cesareo distribuito gratuitamente nella cittadina jonica, nei paesi dell’Union Tre e del nord Salento

Il Comune di Porto Cesareo riprende la pubblicazione de “Il Foglio Cesarino”, periodico distribuito gratuitamente nelle edicole della cittadina jonica, nei paesi dell’ Union Tre e del Nord Salento. L’obiettivo è ben preciso: promuovere l’informazione e la comunicazione locale e favorire la partecipazione dei cittadini e di tutti i soggetti che svolgono la propria attività sul territorio. Il giornale vuole offrire l’informazione più ampia e capillare possibile, su tutti gli aspetti della vita pubblica di Porto Cesareo, stimolare iniziative artistiche, sociali e culturali e promuovere il confronto su tematiche che riguardano la realtà locale. Il nuovo Foglio Cesarino punta su una rinnovata veste grafica, più semplice e lineare, e su tre principali novità: la pagina “Le altre campane del Palazzo” che ospita gli interventi delle coalizioni di minoranza; la rubrica “Assessorando” per raccontare l’attività delle istituzioni comunali, e, infine, “I like Porto Cesareo”, una pagina dedicata alla promozione turistica del territorio, attraverso le foto più belle e gli slogan più accattivanti che i cittadini vorranno inviare alla redazione ([email protected]). Il primo numero, in uscita a breve, è il resoconto della prima estate firmata dalla nuova amministrazione. Nelle prime due pagine compaiono l’intervista a Vito Foscarini, sindaco di Porto Cesareo, che illustra progetti e obiettivi della sua squadra e un articolo sul successo de “LeMilledop” l’iniziativa di promozione territoriale promossa da Legambiente, che ha decretato il marchio D.o.p per il prodotto ittico di Porto Cesareo. Il giornale è consultabile anche sul sito ufficiale del Comune all’indirizzo www.comune.portocesareo.le.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!