Lecce affoga

La Poli chiede lo stato di calamità

Dopo la tromba d’aria e la pioggia che hanno colpito il capoluogo salentino nella mattinata di martedì 26 settembre, Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, si è mobilitata per ottenere la dichiarazione di pubblica calamità

In seguito all’eccezionale evento meteorologico che ha colpito la città di Lecce nella mattinata di martedì 26 settembre, Adriana Poli Bortone, primo cittadino del capoluogo salentino, si è immediatamente attivata per ottenere la dichiarazione di pubblica calamità. Sarà preparata, quindi, la pratica amministrativa per attivare gli interventi di competenza regionale sugli effetti della calamità. I tecnici incaricati dall’amministrazione comunale stanno effettuando una ricognizione generale ed una pronta quantificazione dei danni provocati sul territorio cittadino dalla tromba d’aria e dalla pioggia torrenziale. L’amministrazione comunale, in accordo con la prefettura, ha risolto, inoltre, la difficile situazione di 24 famiglie delle cosiddette “case-parcheggio” di una palazzina di via Pistoia, che ha subito significativi danni in conseguenza del maltempo. Gli abitanti degli alloggi in questione si erano rivolti al sindaco di Lecce per chiedere aiuto e una provvisoria sistemazione. Al termine del sopralluogo effettuato dai tecnici comunali, malgrado non vi fossero problemi legati alla staticità degli edifici, per una esigenza di tranquillità delle famiglie, gli alloggi sono stati sgombrati e le 24 famiglie sono state sistemate presso un’altra struttura per i prossimi sette giorni al fine di consentire un’attività di controllo e l’eventuale manutenzione straordinaria necessaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!