Lecce contro la tratta degli esseri umani

A La Maddalena, in provincia di Sassari, anche il comune di Lecce con Klodiana Cuka, referente per il capoluogo salentino, si esprime contro la tratta degli esseri umani

“Tratta No!”, è il progetto d’ informazione sociale promosso da enti pubblici e privati, tra i quali il comune di Lecce che intende sensibilizzare l’opinione pubblica sulla terribile piaga del commercio di esseri umani

Nei giorni scorsi a La Maddalena, Sassari, si è tenuta una conferenza organizzata da progetto Equal di informazione sociale sul tema della tratta di esseri umani, promosso da enti e soggetti pubblici e privati, tra cui il comune di Lecce Un’importante occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e far conoscere il progetto ai 200 partecipanti del master (incentrato sui temi della cittadinanza europea, federalismo solidale e Costituzione europea) appartenenti a realtà istituzionali strategiche nella concertazione di politiche di prevenzione e lotta della tratta di esseri umani. Con la presenza di Carla Olivieri, responsabile del progetto, e Klodiana Cuka, referente per il Comune di Lecce, è stato messo a disposizione dei convenuti uno stand con kit informativi. “Equal Tratta No! Un altro punto di vista” è un progetto europeo di informazione sociale sul tema della tratta di esseri umani che vuole fornire un punto di vista diverso e promuovere un approccio integrato al fenomeno come raccomandato da organismi internazionali e dall’Unione europea che considera il fenomeno nelle varie tipologie di vittime (non solo donne, ma anche uomini e minori) e di sfruttamento (non solo sessuale, ma anche lavorativo nei vari contesti). Si basa sulla promozione della campagna di sensibilizzazione “Ora lo sai!”, integra strumenti e strategie diversificate: la creazione del portale interattivo plurilingue www.trattano.it, che contiene una vasta sezione informativa sul tema; una newsletter settimanale; una campagna informativa con cartoline, depliants, spot radio e schede video; l’animazione di attori territoriali attraverso seminari in varie città d’Italia e una comunità virtuale www.trattanocommunity.it; un concorso nazionale per i giovani sul miglior cortometraggio sul tema, “AlterVideo2006”; la concertazione di “Carta Media Tratta No!”, un codice di buone prassi di comunicazione sulla tratta, in collaborazione con l’Ordine nazionale dei giornalisti. È promosso da una rete di partner pubblici e privati ed è sostenuto da una vasta rete interistituzionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!