Poli: farmaci alla Coop, un nuovo monopolio

Poli Bortone: “Grazie al decreto Bersani è nato un nuovo monopolio”

Per Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, la liberalizzazione dei farmaci è solo un pretesto per potenziare i “contenitori” della sinistra italiana

Alla vigilia dell’apertura di un corner farmaceutico all’interno dell’ipermercato di Surbo, Adriana Poli Bortone, primo cittadino del capoluogo salentino, afferma che la vendita dei farmaci negli ipermercati è solo un pretesto per favorire la già potente catena del commercio di sinistra. “Nulla assolutamente contro le Coop – ha affermato il sindaco di Lecce – se non il ricordare che sono la potentissima cordata commerciale della sinistra italiana che ha invaso il mercato! È lecito invece ricordare a noi stessi che non gridavamo invano quando sostenevamo che l’effetto del decreto Bersani sulla ‘liberalizzazione’ della vendita dei farmaci avrebbe favorito proprio la potentissima catena del commercio di sinistra. Viene da riflettere sull’accoglienza tiepida (l’aggettivo è un eufemismo) del provvedimento dell’ex ministro Storace – continua il primo cittadino – che invitava i farmacisti ad abbassare i prezzi. Probabilmente oggi avremmo davvero un libero mercato concorrenziale e non un nuovo monopolio. In effetti il governo di sinistra sta creando o potenziando i suoi ‘contenitori’. Mica sciocchi!”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!