Liste d’attesa: “Trianni intervenga”

Dieci mesi di attesa per una visita cardiologica

Il sindaco Poli Bortone scrive a Gianluigi Trianni, direttore generale dell’ Ausl Le1

Il sindaco Adriana Poli Bortone ha inviato a Gianluigi Trianni, direttore generale della Ausl Le1, una lettera con la quale chiede le ragioni dell’ennesimo disservizio sulle prenotazioni per le visite cardiologiche. Una cittadina leccese, infatti, ha informato il primo cittadino di essersi recata lo scorso giovedì 14 settembre presso l’azienda ospedaliera Vito Fazzi per prenotare una visita cardiologica e di averla ottenuta per il 25 luglio 2007. “Mi auguro che nei prossimi dieci mesi – scrive il sindaco Poli Bortone al direttore Trianni – la cittadina in questione non abbia crisi cardiache, tuttavia osservo che il servizio nell’ultimo anno è decisamente peggiorato e di tanto credo che la Ausl debba farsi carico. – continua a ncora il primo cittadino del comune capoluogo del salento – Attendo una sua cortese risposta ad un intervento urgente per evitare pericolosi disagi alla signora. Ma è ovvio che la situazione specifica evidenziatami non è l’unica e che motivi di equità mi inducono a chiederle non certo l’intervento di favore per la singola paziente, ma la riorganizzazione di un servizio che – conclude la Poli Bortone – non può ammettere tempi d’attesa così lunghi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!