Donne e politica a 60 anni dal primo voto

Donne e cittadinanza politica: un riscatto lungo un secolo

Salvare dall’oblio storico un patrimonio culturale sulle donne che, ad oggi, circola solo in ambienti ristretti e farlo conoscere ad un ampio pubblico: questi gli obiettivi del convegno internazionale organizzato da Edita e dalla provincia di Lecce

“Pensiero e azione politica delle donne. A 60 anni dal primo voto delle italiane” questo è il titolo del convegno internazionale che Edita S.n.c. (società dei diritti editoriali e multimediali), l’ assessorato alle pari opportunità della provincia di Lecce e l’assessorato alle pari opportunità del comune di Lecce, hanno organizzato per i giorni 21 e 22 settembre, a partire dalle 9 presso la sala consiliare del Palazzo dei Celestini, a Lecce. Sono passati sessant’anni, da quando le donne, per la prima volta, il primo febbraio del 1945 ottennero il diritto di voto su proposta di De Gasperi e Togliatti. Diritto che venne esercitato di fatto in occasione del primo referendum abrogativo della monarchia: il due giugno 1946. L’89% delle donne aventi diritto al voto si recò alle urne per la prima volta, da vere cittadine. Suffragio femminile, uguaglianza politica, cittadinanza attiva: questi i temi che il convegno intende approfondire con due giornate di lavori dedicate allo studio del pensiero politico delle donne, che hanno lottato per diventare parte attiva nella vita dello stato. La prima giornata è dedicata agli studi condotti sull'azione e sul pensiero politico delle donne, in particolare attraverso il giornalismo tra Otto e Novecento. Particolare attenzione va alle figure femminili che si sono impegnate nella riflessione e nella pratica politica, che hanno educato l’opinione pubblica e influenzato l’élite in Parlamento. Queste donne non vengono menzionate in nessun manuale scolastico. Obiettivo è quello di riconquistare un pezzo di storia del gentil sesso che è parte integrante della storia in generale. La seconda giornata è dedicata al tema della partecipazione politica delle donne oggi attraverso le istituzioni, il giornalismo e le associazioni, per favorire il dibattito e la sinergia tra enti e individui. Parteciperanno all’evento, tra i tanti ospiti, Marisa Forcina, docente dell’università di Lecce, Ginevra Conti Odorisio, docente dell’università di Roma Tre, Daria Bignardi, Adele Cambria e altri rappresentanti del giornalismo e del mondo politico regionale. Il convegno è trasmesso in streaming sulla web tv di Edita: www.editando.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!