Porto Cesareo: torna il numero verde

Per un contatto diretto con i cittadini

I cittadini di Porto Cesareo, potranno nuovamente mettersi in contatto con l’amministrazione comunale, per segnalare qualsiasi problematica relativa al territorio del Comune, in forma assolutamente gratuita, tramite numero verde

Per migliorare i servizi alla comunità, l’amministrazione comunale di Porto Cesareo, ha riattivato il numero verde comunale: 800 012 761, che sarà attivo ed operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13. Già annunciata da Vito Foscarini, sindaco di Porto Cesareo e Gino Baldi, assessore alle politiche ambientali, e fortemente voluta da tutta l’amministrazione comunale, l’iniziativa dovrà ricoprire le funzioni attribuite dal marketing moderno ai call center e fungere così da front office comunale on line. I cittadini,infatti, gratuitamente, attraverso il numero verde, potranno mettersi in contatto con l’amministrazione comunale, i suoi uffici ed i suoi funzionari, per segnalare qualsiasi problematica relativa al territorio comunale. Si potranno infatti sottoporre all’attenzione dell’amministrazione svariate problematiche: dai rifiuti alla salvaguardia di coste, flora e fauna, dalla richiesta di informazioni di carattere turistico alla segnalazione di eventuali abusi edilizi. “Si tratta di un’importante azione di comunicazione – dicono soddisfatti Foscarini e Baldi – voluta e sollecitata da tutti gli assessori e dai colleghi consiglieri. Quella del numero verde è un’attività importante ma allo stesso tempo difficile ed ambiziosa; perché da un lato avvicina il Palazzo alla città e dall’altro è utile a monitorare l’operatività degli uffici pubblici e il loro grado di ‘problem solving’. Contatti utili e capaci d’innescare, da un lato tipologie di crescita ambientale civile e sociale come la salvaguardia dello splendido patrimonio naturale; e dall’altro fare da volano al miglioramento delle condizioni di vita della comunità residente e villeggiante”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!