Un master per il territorio

Management per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale: al via il .master universitario internazionale di II livello dell’università di Lecce

Attivato per l’anno accademico 2005/2006 e promosso dal settore Beni Culturali della Scuola Superiore ISUFI il master di II livello dell’università di Lecce per la tutela e la valorizzazione del territorio

Attraverso questo master si formerà una nuova figura professionale, il cultural manager, dotata di strumenti e competenze multidisciplinari; tale figura opererà integrando le conoscenze di base con competenze trasversali e specialistiche, da applicare nei progetti di gestione e valorizzazione del patrimonio culturale. Al termine del master, le figure professionali formate potranno trovare collocazione con funzioni dirigenziali e di cultural project management (progettazione di azioni ed eventi culturali) all’interno di organizzazioni che si occupano della gestione del patrimonio culturale. Il master si articola in quattro aree tematiche principali: patrimonio culturale (beni culturali ed ambientali); management culturale; diritto dei beni; ICT e tecnologie per il patrimonio L’offerta formativa del master sarà svolta in 1750 ore (insegnamento frontale, project work individuale e di gruppo, tirocinio/stage in istituzioni ed aziende del settore culturale, studio individuale); l’esperienza pratica, inserita al termine del percorso formativo, avverrà presso enti o imprese operanti nel settore, anche all’estero. La frequenza delle lezioni è obbligatoria; la partecipazione al master consente l’acquisizione di un totale di settanta crediti formativi. Il master è destinato ad un numero massimo di quaranta corsisti che abbiano conseguito la laurea specialistica del nuovo ordinamento o la laurea del vecchio ordinamento. La domanda di partecipazione al master dovrà essere presentata entro le ore 13.00 di lunedì 23 ottobre 2006. Ulteriori dettagli sono reperibili nel sito www.unile.it, che contiene la versione integrale del bando.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!