Al via la Scuola Estiva della Differenza

L’Università di Lecce, di Roma Tre e la Comunità delle Benedettine

Lunedì 11 settembre 2006, nel monastero degli Olivetani (viale San Nicola, Lecce), avrà luogo la cerimonia di inaugurazione della Scuola Estiva della Differenza

Giunta ormai alla sua quarta edizione, la Scuola è organizzata dalle Università di Lecce (professoressa Marisa Forcina, delegata del rettore per le Pari Opportunità) e di Roma Tre (professoressa Francesca Brezzi), in collaborazione con la Comunità delle Benedettine di Lecce. La Scuola, che si svolgerà da lunedì 11 a venerdì 15 settembre 2006, ha come meta quella di sperimentare in gruppo un itinerario culturale, politico e spirituale sul tema del “Ri-conoscer-si” tra culture, generi, generazioni, religioni, corpi viventi. Dopo i saluti del rettore dell’Università di Lecce, Oronzo Limone, della consigliera di Parità della Provincia di Lecce, Serenella Molendini, e della presidente del Comitato Pari Opportunità dell’ateneo salentino, Donatella Grasso, seguiranno gli interventi di Laura Boella (Università di Milano) su “Oltre il riconoscimento, sentire l’altro: l’empatia nella relazione intersoggettiva”; di Enrichetta Susi (CNR) su “Dov’è la scienza?”; di Michela Pereira (Università di Siena) su “Riconoscere l’auctoritas”; di Donatella Barazzetti (Università della Calabria) su “Ri-conoscersi. Identità sociale e lavoro maldiviso”; di Bianca Gelli (Università di Lecce) su “Riconoscersi il proprio percorso”. Alla Scuola interverranno docenti provenienti da Università di tutto il mondo. Le lezioni della Scuola Estiva della Differenza si svolgeranno nelle ore pomeridiane e saranno precedute ed integrate con dei laboratori: uno di scrittura, uno di attività pratiche ed uno di meditazione e preghiera. La Scuola, a numero chiuso, riserva venti posti agli studenti dell’Università di Lecce, venti al personale docente o tecnico amministrativo dello stesso ateneo, venti agli studenti dell’Università di Roma Tre e quaranta posti a persone esterne. A chi, frequentando tutte le trenta ore di lezioni e seminari, ne farà richiesta ne farà richiesta, sarà rilasciato un attestato di partecipazione; per gli studenti dell’Università di Lecce l’attestato indicherà anche il numero di crediti formativi che le singole facoltà avranno stabilito di riconoscere al percorso di studio offerto dalla Scuola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!