Uno stage alla Leone De Castris

A Salice Salentino, uno stage sul Salento con visita all’azienda Leone De Castris e cena tradizionale

Lo studio dei vini pregiati e delle sensazioni organolettiche che regalano al palato, nonché le varie tecniche di invecchiamento e vinificazione sono stati i temi centrali dello stage che si è tenuto lo scorso 5 settembre

Dall’anno scorso, la Leone De Castris è diventata la sede didattica in Puglia dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Unica nel suo genere, nel panorama mondiale, l’Università è promossa da Slow Food, con la collaborazione di due regioni italiane e da altre importanti strutture pubbliche e private. L’obiettivo è di creare un centro internazionale di formazione e di ricerca, al servizio di chi opera per un’agricoltura rinnovata, per il mantenimento della biodiversità, per un rapporto organico tra gastronomia e scienze agrarie. Per questo, 20 ragazzi diplomati (provenienti da ogni parte del mondo) – accompagnati da Antonello Del Vecchio, governatore Puglia Slow Food – oltre alle lezioni in aula stanno affrontando degli stage, uno dei quali si è tenuto il 5 settembre presso la sede della Leone de Castris. Tema principale dello stage sono stati i vini autoctoni come il Negroamaro, il Primitivo, la Malvasia nera e il Verdeca. Il gruppo di studio ha analizzato nei dettagli le tecniche di vinificazione e invecchiamento, per arrivare a meglio comprendere e descrivere le sensazioni che questi gioielli regalano al palato, l’aspetto commerciale e del marketing dell’azienda. Lo stage si è concluso con la cena presso il ristorante Villa Donna Lisa, dove sono stati degustati alcuni vini dell’azienda (Messapia, Elo veni, Pierale) ed approntato un menu tipicamente salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!