Intesa tra Coldiretti Puglia ed Egitto

Siglato un accordo tra la Coldiretti Puglia e l’ambasciata italiana in Egitto per la tutela e l’impiego di lavoratori egiziani in provincia di Foggia

Le organizzazioni di categoria, Coldiretti, Conflagri e Cia, condannano unanimemente lo sfruttamento dei lavoratori stranieri clandestini e chiedono la modifica della legge Bossi-Fini

Unanime la condanna di Coldiretti, Conflagri e Cia nei confronti dello sfruttamento della manodopera clandestina. Le associazioni di categoria chiedono interventi urgenti: «lo sfruttamento del lavoro va combattuto senza esitazione nelle campagne e nelle città dove la mancanza di legalità sul territorio mette a rischio un sano sviluppo economico e sociale. Stiamo dimostrando, tra l’altro, che si tratta di realtà fortemente combattute dal mondo Coldiretti, dove le imprese agricole sono rispettose del lavoro delle persone».Questo è quanto ha affermato detto Pietro Salcuni, presidente della Coldiretti Puglia. Per questo è stato siglato un accordo tra la stessa Coldiretti Puglia e l’ambasciata italiana in Egitto per l’impiego di lavoratori egiziani in provincia di Foggia, che, avvantaggiandosi dell’opportunità occupazionale, beneficiano di formazione specializzata. La Confagricoltura sollecita l’intervento della magistratura affinché vengano rimossi gli ostacoli per regolarizzare i lavoratori stranieri e snellire in questo modo l’estenuante burocrazia che spesso opprime gli imprenditori agricoli. La Cia invita il governo ad aprire un Tavolo di confronto sul problema dell’immigrazione illegale in agricoltura che «proprio a causa di organizzazioni criminali è costretta a fronteggiare una vera emergenza che ormai si identifica nella tratta degli esseri umani». E’ necessaria, a questo punto, una modifica della legge Bossi-Fini, che non ha ancora risolto il problema dello sfruttamento, fenomeno che in Puglia, come emerge dall’inchiesta di Fabrizio Gatti su L’Espresso, è paragonabile ad un vero e proprio schiavismo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!