Alta formazione universitaria a Specchia

La fondazione Campus Studi del Mediterraneo di Lucca consolida la propria presenza nel Salento

Si ampliano le attività della Fondazione che a partire dal prossimo anno accademico darà il via a due master post-laurea nel Campus di Specchia (Lecce)

La Fondazione Campus Studi del Mediterraneo di Lucca rafforza la propria presenza nel Salento con l’avvio, il prossimo ottobre, di due master post-laurea, il primo in Esperto in sviluppo rurale e turismo consapevole e il secondo in Esperto nell’uso razionale ed efficiente dell’energia, che si terranno presso il Campus di Specchia e sono realizzati in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Lecce. Grazie al sostegno del Comune di Specchia e del Gal, Gruppo Azione Locale, del Capo Santa Maria di Leuca, la Fondazione Campus Studi del Mediterraneo è riuscita così a portare a buon fine il progetto di trasferire nel Salento l’esperienza di successo del Campus di Lucca, avviata quattro anni fa su modello del campus anglosassone. Il Campus di Specchia, situato nel suggestivo ex Convento dei Francescani Neri di Specchia, ospita dal prossimo anno accademico i due master post-laurea ma sarà anche sede di altri percorsi formativi di Alta Formazione che saranno realizzati in collaborazione con le realtà del territorio. In occasione del convegno “Verso la nuova normativa dell’agriturismo pugliese” promosso dal GAL di Capo Santa Maria di Leuca e dal Comune di Specchia (Campus di Specchia, venerdì 28 luglio, ore 20) Paola Pardini, Direttore di Fondazione Campus Studi del Mediterraneo, illustrerà i contenuti e gli obiettivi dei due master. «La partenza dei corsi di Alta Formazione nel Campus di Specchia – spiega Paola Pardini – non fa altro che confermare la crescita di Fondazione Campus che è oggi in grado di esportare il proprio know how e la propria esperienza nel campo dell’alta specializzazione universitaria e post-universitaria. Intendiamo trasferire a Specchia i successi ottenuti in questi anni in Toscana con la laurea in Scienze del Turismo e con i nostri master post-laurea che sono il frutto delle collaborazioni attivate con alcune delle maggiori Università italiane come Pisa e Pavia, con la giovane e prestigiosa Università della Svizzera Italiana di Lugano e con la Business School francese Edhec». Fondazione Campus, che ha la gestione del Campus di Specchia, è una fondazione no profit, volta a sviluppare le capacità imprenditoriali e sociali, con l’obiettivo di aumentare il traffico di idee e di persone ed è impegnata nella promozione di corsi di laurea, seminari, workshop, summer school e master post laurea congiuntamente ad università italiane e straniere. Con un interesse particolare per il settore del turismo, il suo obiettivo primario è quello di incrementare il sapere scientifico e la preparazione manageriale di quanti vogliono misurarsi con i mercati globali. In collaborazione con Centri Studi Superiori, sia italiani che stranieri, Campus offre le migliori opportunità di conoscenza e di aggiornamento per studenti di ogni Paese. Entrambe le sedi, quella di Lucca e quella di Specchia, mettono a disposizione degli iscritti ambienti interamente rinnovati ed attrezzati con le più moderne strutture di supporto per la didattica, oltre a fornire a docenti e studenti gli strumenti necessari per uno scambio proficuo di conoscenze ed informazioni. Il Campus di Lucca, che pochi giorni fa ha consegnato alla città con il Corso di Laurea in Scienze del Turismo i primi laureati nel territorio dal 1849, avvierà in autunno la laurea specialistica in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici Mediterranei e un nuovo laboratorio linguistico aperto anche agli studenti delle scuole superiori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!