U.S. Lecce

Partiti… per dove?

I giallorossi in ritiro. Con poche certezze nel borsone e mister Zeman alla guida

Partiti! I giallo rossi di via Templari sono partiti… e arrivati in ritiro a Tarvisio! I giallo rossi si sono portati dietro un bagaglio di certezze a dire il vero un po’ scarno, ma non certo per colpa loro. Una è l’allenatore: mister Zeman (neo acquisto della tifoseria giallo rossa), una certezza che vale doppio visto che il boemo sulla panchina leccese si è già seduto ed ha regalato il calcio-spettacolo che tutti aspettavano. La seconda è la sede del ritiro, Tarvisio appunto e la terza sono i colori sociali, che quelli non cambiano mai e sono una gran bella certezza, salvo poi variamente disporsi (?!) sulle nuove maglie (ved. Foto!). Tutto il resto è in balìa di calciomercato e calciopoli. In sintesi: il treno partito da Lecce ha fatto un po’ di soste e tra discese e salite alla fine a Tarvisio sono arrivati in 29, nel corso della prossima settimana si attendono nuove partenze ed importanti arrivi, ma a quanto sembra da queste prime mosse di mercato, l’intento di mister Zeman è quello di creare una squadra giovane e fortemente motivata e motivabile, forse più facilmente gestibile rispetto a quella composta dai “vecchi senatori” che gli resero la vita difficile sul finire del campionato 2004/2005. Passatecela questa della definizione della squadra come una semi-certezza e andiamo avanti che tanto ci dobbiamo già fermare davanti alla questione calciopoli, e sì perché possiamo stare anche ore e ore a parlare di scelte di mercato, di modulo, di tecnica, di preparazione e di tutto quello che ci gira attorno, già perché non faremmo altro che girarci intorno alle domande cui nessuno di noi può rispondere con certezza: ma per dove sono (e siamo) partiti? E cioè: a quale caspita di serie parteciperà il Lecce il prossimo campionato? E poi: quando inizierà il prossimo campionato? Ma soprattutto: ci sarà un “prossimo campionato”? Non potendo avere risposte certe a questi interrogativi tanto vale che anche noi iniziamo la nostra fase di preparazione… al bar dello sport!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!