Premio Barocco: è ancora polemica

Replica della Poli Bortone a chi ha criticato l’arrivo a Lecce della manifestazione

Scontro sul futuro della famosa kermesse della città di Gallipoli, il sindaco del capoluogo salentino risponde a chi aveva criticato l’arrivo della manifestazione a Lecce

“Credo che il ridicolo abbia raggiunto i massimi livelli”. Così il sindaco Adriana Poli Bortone commenta le dichiarazioni di chi critica l’arrivo a Lecce del Premio Barocco. “E nel ridicolo della sua arrogante e miope partigianeria – continua il primo cittadino – c’è la Sinistra. Qualche esempio: se il Premio Barocco va a Galatina, la diessina Antonica è democratica, mentre se va a Lecce la Poli Bortone è autoritaria; se un Governo di centrodestra fa dei decreti condivisi è autoritario, mentre se Bersani se ne infischia di sindacati e categorie è comunque democratico. E ancora: se un termovalorizzatore lo si costruisce nel Salento è inquinante, se se ne fanno tre a Bologna emanano Chanel n. 5. Un po’ come dire che se un servizio pubblico lo svolge uno di Destra è un disastro. Dalle dichiarazioni odierne sul Premio Barocco – puntualizza, infine, Adriana Poli Bortone – un fatto emerge con prepotenza: se non ci fosse stato dibattito sul Premio qualcuno non sarebbe riuscito nemmeno a dire: ”.

Leave a Comment