Tecnici dell’ambiente alla scuola edile

20 posti per un corso

La Scuola Edile della Provincia di Lecce organizza un corso gratuito per tecnici ambientali. Sono disponibili 20 posti, di cui 10 garantiti a donne

Attraverso il sito internet www.scuolaedilelecce.it è possibile presentare domanda di pre-iscrizione al corso di formazione gratuito per tecnico dell’ambiente. Il corso avrà la durata di mille ore, delle quali 360 di stage e 18 di visite guidate. Al termine del corso, la figura professionale formata potrà operare sia nell'ambito dei servizi pubblici che delle aziende private e nelle associazioni ambientalistiche no-profit. L’ente proponente e attuatore dei progetti è la Scuola Edile della Provincia di Lecce. Sono disponibili 20 posti, dieci dei quali riservati alle donne; se le domande pervenute dovessero essere superiori al numero dei posti disponibili a settembre prossimo verranno effettuate delle selezioni. Possono presentare domanda di pre-iscrizione giovani e adulti non occupati che abbiano assolto all’obbligo scolastico, in possesso di qualifica o di titolo di studio di scuola media di secondo grado o laureati; disoccupati di lunga durata, lavoratori socialmente utili, lavoratori in mobilità. Le lezioni, che avranno inizio nel mese di ottobre, si svolgeranno presso la sede della Scuola Edile, nella zona industriale di Lecce (viale Belgio). Ai partecipanti al corso verrà corrisposta un’indennità oraria pari a 2 euro per ogni ora effettiva di frequenza. Il materiale didattico, le attrezzature, gli utensili e i dispositivi di protezione individuali saranno forniti gratuitamente. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di qualifica a coloro che avranno frequentato il corso per un numero di ore non inferiore all’80 per cento delle ore totali previste ed avranno superato gli esami finali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!