Anche la Poli ai lavori del Ciace

Inizio lavori martedì scorso

Sul tavolo di Palazzo Chigi i temi della Strategia di Lisbona, con particolare attenzione allo stato di attuazione del programma nazionale

Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, in qualità di vicepresidente vicario dell’Anci con delega alle Politiche Comunitarie, nella giornata di martedì scorso ha preso parte ai lavori del Comitato Interministeriale per gli Affari Comunitari Europei (CIACE) istituito presso la presidenza del consiglio dei Ministri. Il CIACE, organismo previsto da un decreto del presidente del consiglio dei Ministri il 9 gennaio scorso, ha il compito di concordare le linee politiche del Governo nel processo di formazione della posizione italiana nella fase di predisposizione degli atti comunitari e della Ue. La riunione di martedì a Palazzo Chigi, cui hanno partecipato diversi ministri del Governo (Bonino, Padoa Schioppa, Niccolais, D’Alema, Bindi), è stato un approccio ai temi della Strategia di Lisbona con particolare attenzione allo stato di attuazione del programma nazionale, del quale si dovrà fare un progress report da presentare il prossimo 15 ottobre alla Commissione europea. Ci si è soffermati, in particolare, sui ritardi delle Regioni nell’attuazione del programma comunitario. La sindaca del capoluogo salentino si è impegnata ad indicare nei prossimi giorni un tecnico in seno all’Anci che dovrà partecipare alle prossime riunioni del CIACE. Giovedì 13 luglio, infatti, è fissata la riunione del Comitato tecnico in vista della visita a Roma (17 e 18 luglio) di una delegazione della Commissione europea.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!