Italia-Germania: la resa dei conti

Questa sera la semifinale mondiale

Le voci delle migliaia di emigranti salentini in Germania: Forza Azzurri!Vincete anche per noi

Germania-Italia è la sfida delle sfide. E' un tuffo nella storia, nell'immagine in bianco e nero della partita più bella e spettacolare di sempre, di Italia-Germania 4-3 di Messico 70. Per noi italiani è anche il ricordo ancora vivo dell'ultima vittoria mondiale, di Italia-Germania 3-1 di Spagna '82 e dell'urlo di Tardelli dopo il secondo gol, quello della sicurezza. Oggi una nuova sfida leggendaria. Forza Italia! dalle decine di maxi-schermo montate in tante piazza del Salento, dai bar e dai locali sulla spiaggia, dalle case di migliaia di salentini o direttamente dallo stadio di Dortmund, per i più caparbi e fortunati che sono riusciti ad accaparrarsi i biglietti. RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO L'APPELLO DI GIGI BRUNO, LECCESE, INGEGNERE AEROSPAZIALE PRESSO LUFTHANSA AD AMBURGO: Amici, sono sull´orlo della crisi di nervi… i crukki mi insultano per essere italiano e ho vissuto atteggiamenti razzisti… secondo me, in cuor suo qualcuno ancore sogna di invadere la Polonia. Da una settimana sul mio balcone sventola il tricolore e vado a dormire con la maglia di superpippo (lo ho odiato per anni…). Domani sera potrei essere a Dortmund. Pensatemi, perché nel catino tedesco mi faró sentire piú dei mangiapatate! Se non dovessi riuscire a entrare, sono pronto al ritorno in italia. Se perdiamo poi (mi sento male a pensarci), non reggeró la beffa dei festeggiamenti tedeschi… aiutooooo… _________________________ Luigi Bruno Design Engineer Avionic Lufthansa Technik AG Hamburg, Germany

Di seguito si riporta la lettera che il Presidente del Consiglio Romano Prodi ha scritto alla sua collega Cancelliera Angela Merkel: Gentilissima Cancelliera, carissima Angela, La ringrazio di avermi caldamente invitato a questa sfida ancor prima che fosse in programma. Ci sarò e sono felicissimo di esserci. Germania-Italia è il grande, eterno confronto. In passato ci ha dato le gioie più grandi. Quest' anno per l' Italia c'è una difficoltà nuova: giochiamo in Germania. Un motivo in più perché io sia vicino agli Azzurri. Questo campionato del mondo è uno spettacolo. Grande entusiasmo. Stadi pieni. Organizzazione perfetta. Un teatro planetario. Abbiamo di fronte una Germania giovane che sta fiorendo. La squadra-rivelazione. Bisogna recitare bene. E, poi, la Germania è molto più di una squadra avversaria. Per noi è il grande Paese di riferimento. La nostra forza politica ed economica è reale solo se c' è accordo con la Germania. Nel calcio la Germania è la nostra storica rivale. Ci ha regalato momenti bellissimi. La finale di Madrid dell' Italia di Paolo Rossi. La partita più emozionante della storia del calcio, il 4-3 di Città del Messico. Ricordo come fosse oggi quella partita. L' ho vissuta a casa mia con i colleghi dell' università che continuavano ad alzarsi per l' emozione e a scappare via. Così, forti di quei ricordi, torniamo con speranza a questa sfida. La nazionale da sempre è un grande strumento di unificazione del Paese. Certo, conosciamo anche i gravi problemi del nostro calcio. Questa partita non cancella i suoi mali,non può far scivolare in secondo piano gli aspetti anche delittuosi che sono emersi. Il calcio italiano va profondissimamente riformato. Ma gli Azzurri qui stanno esprimendo i valori positivi del nostro popolo: l' impegno, la fantasia, il talento. Intorno a loro c' è la passione del Paese. Siamo certi che saranno all' altezza dei ricordi. Sapranno esprimere nel gioco la creatività e la bellezza. Così noi, con tutta l' Italia, gridiamo il nostro incitamento. Forza Azzurri!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!