Occhi verdi partenopei

Mi sono innamorata

Stasera non c'è storia. Io sarò davanti alla tv sin dal pomeriggio per non rischiare di perdere nemmeno una scena (neppure durante i collegamenti dei tg) dello spettacolo che, sono sicura, terrà col fiato sospeso non solo me. Sì, la partita. E come non guardarla. Ma c'è di più. Io ho il mio motivo per restare attaccata allo schermo televisivo. Anzi due: gli occhi verdi partenopei di Fabio Cannavaro

E va bene, mi sono innamorata. Anzi, ad essere proprio sincera, già qualcosa per lui la provavo. Ma i sentimenti sono così, non li puoi controllare. Ed ora, il mio è cresciuto a dismisura. Ed è diventato incontenibile, negli ultimi giorni. Lui si chiama Fabio Cannavaro. Sguardo mozzafiato da bravo ragazzo (ma che, come direbbe la mia amica romana, ja 'mmolla, o qualcosa del genere). Diciamo il tipo che ti sorride e poi ti ruba la merenda a scuola. Atteggiamento da bulletto partenopeo (per carità, non voglio entrare nel merito del maxi scandalo che ha travolto il mondo del calcio). A me Cannavro piace e basta. Che c'entra questa mia dichiarazione sfrontata d'amore verso il capitano degli azzurri? Beh, una tronista è una tronista. Suo compito è guardarsi intorno. Per l'esattezza, sintonizzarsi sul canale 251 di Sky. Dove il montaggio è da vera soap opera; dove mostrano i nostri undici (ma anche gli altri in panchina) come piccoli eroi del grande schermo. Che poi si tratti di schermo al plasma o dello specchio verde di un campo da gioco, poco importa. Vi parla una che aspetta stasera come un appuntamento da non perdere. Per rivederlo ancora, il mio lui, occhi verdi e un po' maliziosi. Pazienza i chilometri (e forse anche qualche altro ostacolo) che ci separano. L'amore è bello quando è sofferto. Ed io riuscirò, prima o poi, a farmi notare. Alla tronista a è impossibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!