[Pre-giudizi] The prestige

Il primo dei film non ancora visti ma consigliati. The Prestige di Christopher Nolan, per scoprire se il regista londinese è sempre così bravo come ce lo ricordavamo.

Ecco il primo dei film che consiglierò “a naso”. The Prestige. Ora, potrei parlare di Scarlett Johansson. Potrei dirvi che è bella, bravissima, eclettica e versatile, che ha una presenza scenica mostruosa, protagonista o comprimaria che sia. E anche che sono anni che non sbaglia un film (o quasi, su The Island potremmo discutere…) e quindi potrei concludere che, per tutti questi motivi The Prestige è da vedere. Potrei, e avrei anche gioco facile. Ma in realtà il motivo per cui voglio andare a vedere questo film e per cui vi consiglio di fare altrettanto, è Christopher Nolan. Che fin’ora è stato autore di tre film diversi tra loro ma tutti molto belli. Memento è un gioiellino, che arrivò in sordina a Venezia 2000 e portò, per fortuna di tutti, un momento di gioia cinefila negli occhi intorpiditi dello spettatore festivaliero (quell’anno persino Clint Eastwood diresse un film minore come Space Cowboys). Memento è praticamente uno di quei film che potete usare per scoprire quanto capisce di cinema un vostro amico. Se vi dice che non gli è piaciuto, lasciatelo perdere, frequentatelo per un aperitivo o una pizza ma non andateci al cinema. I successivi due film, Insomnia e soprattutto Batman begins, confermarono tutto il talento del giovane regista. In entrambi i film infatti, Nolan usa magistralmente il genere per raccontare le ossessioni e i malesseri dei protagonisti. Insomma a naso The prestige è un gran bel film… e poi c’è Scarlett!

[The Prestige (USA/GB 2006) regia di: Christopher Nolan con: Christian Bale, Hugh Jackman, Scarlett Johansson, Michael Caine, Piper Perabo, David Bowie. ]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!