Casarano: Pro loco contro Comune

La Pro loco di Casarano si scaglia contro il Comune, colpevole, secondo quanto afferma, di non incoraggiare l'attività dell'associazione e, anzi, di crearle continui ostacoli

“Non molleremo, nonostante gli ostacoli che ci frappongono continuamente”. L'amaro sfogo contro la burocrazia del Comune di Casarano parte dai soci della Pro Loco che, in una lettera aperta ai cittadini che sarà affissa nei prossimi giorni sui muri della città, denunciano i cavilli che sarebbero creati ad arte prima di ogni manifestazione per sfiduciare la loro voglia di fare. “In questi 12 anni tanto abbiamo fatto e molto altro avremmo potuto fare – si legge nella lettera – magari con più impegno, con più professionalità, ma mai abbiamo perso entusiasmo e voglia di fare. Abbiamo raggiunto l'obbiettivo più importante che ci eravamo proposto: svegliare la nostra Casarano e ci vantiamo di avere nelle nostre manifestazioni avuto in questi anni migliaia di cittadini partecipi e non spettatori. Negli ultimi anni – prosegue la Pro Loco – qualcosa o qualcuno cerca insistentemente di scoraggiarci, di intralciare la nostra voglia di fare, di demoralizzarci, proprio chi dovrebbe con la sua professionalità e per il suo il suo ruolo aiutare i cittadini a fare meglio perché ‘fanno' per la loro Casarano. E a questo punto ogni cavillo, che potrebbe essere superato con un po' di collaborazione e disponibilità, diventa un ostacolo insormontabile. Chi ama la propria città e crede fermamente che un domani, non lontano, Casarano ritornerà quella di un tempo, punto di riferimento di tutto il Sud Salento, non si scoraggia neanche davanti a chi cerca di ostacolarlo a tutti i costi”. L'ultimo episodio che ha fatto esplodere il caso si è consumato sabato scorso, durante i preparativi del raduno delle vespe. A poche ore dall'inizio della manifestazione, agli organizzatori i vigili urbani avevano chiesto l'esibizione di due autorizzazioni. “Avevamo presentato l'autorizzazione 15 giorni prima – ribattono da piazza Malta, sede della Pro Loco – se c'erano problemi, ci potevano avvertire qualche giorno prima, invece di aspettare come al solito l'ultimo momento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!