Aumento Cosap, il Tar: ‘Regolamento provinciale illegittimo’

Lecce. Accolto il ricorso della Blue Box Srl titolare di un impianto fotovoltaico a Galatone: la Provincia aveva aumentato la tassa di 30 volte

LECCE – Il Regolamento del marzo 2012 con cui l’Amministrazione provinciale di Lecce aveva disposto, nei confronti della società Blue Box Srl titolare di un impianto fotovoltaico a Galatone, l’aumento di oltre 30 volte del Cosap, il canone per l’occupazione di spazio pubblico, è illegittimo e non va applicato. Lo ha deciso il Tar Puglia, Sezione Seconda di Lecce (presidente dott. Costantini), accogliendo il ricorso proposto dalla Blue Box Srl, difesa dall’avvocato Saverio Sticchi Damiani. Nella sentenza di accoglimento del ricorso, il Tar Lecce ha ritenuto che un aumento tanto ingente del canone Cosap, da 500 euro e 17mila euro, disposto in virtù di un regolamento provinciale introdotto nel marzo 2012, fosse in contrasto con le disposizioni normative che stabiliscono che gli impianti fotovoltaici, esercitando attività strumentali ad un pubblico servizio, debbano essere ammessi a fruire, per gli elettrodotti interrati nelle strade comunali e provinciali, del regime agevolativo forfettario. “La sentenza del Tar – ha dichiarato Sticchi Damiani – inibisce l’aumento sproporzionato, ad opera dell’Amministrazione provinciale, dei costi di gestione per le imprese che operino nel settore del fotovoltaico e che quindi esercitino un’attività di rilevanza pubblica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment