Polo oncologico a Casarano: ormai è certo

Il Ferrari si adegua

La giunta regionale ha autorizzato il direttore generale della Ausl Le/2 ad adeguare la dotazione dei posti letto del reparto di oncologica del Ferrari

Nasce il polo oncologico presso l'ospedale civile “Francesco Ferrari” di Casarano. Facendo seguito a quanto promesso pubblicamente nel corso del Premio Casaranello dello scorso sabato dal governatore Nichi Vendola, la giunta regionale ha approvato lo scorso martedì una delibera con la quale si autorizza il direttore generale della Ausl Le/2 ad adeguare la dotazione dei posti letto del reparto di oncologica del Ferrari. Si tratta della prima risposta concreta alla protesta dei pazienti dell'ambulatorio e dello stesso dottor Giuseppe Serravezza costretti da anni in condizioni di assoluto disagio. Nelle scorse settimane una delegazione degli oltre 3mila ammalati di tumore in cura presso il Ferrari aveva manifestato dinanzi alla Presidenza della Regione Puglia contro il temuto ridimensionamento o la chiusura del reparto coinvolgendo della questione direttamente il presidente Vendola. Dal palco del Premio Casaranello, lo scorso sabato, il governatore aveva assicurato tutti. “La delibera che darà il via al polo oncologico a Casarano è già pronta e sarà approvata prestissimo – aveva affermato Vendola, ricordando come – sino alla consegna della struttura il servizio sarà solo ospitato dall'ospedale di Gallipoli dove, in ogni caso, rimarrà un day hospital di oncologia”. Dopo tali garanzie era anche rientrata la protesta di Serravezza, ormai pronto a trasferirsi altrove “per il disinteresse generale verso i problemi del nostro ambulatorio” come più volte dichiarato dallo stesso medico. “Viva soddisfazione per il regolamento tempestivamente adottato dalla giunta regionale” è stata espressa anche dal vice presidente della Regione Puglia Sandro Frisullo. “Si è corrisposto pienamente ad una esigenza del territorio, riconoscendo in pieno il lavoro del dottor Serravezza e delle associazioni a difesa dei pazienti che svolgono da tempo attività di assistenza domiciliare. Questa delibera – continua Frisullo – permetterà di equilibrare la dotazione di posti letto e organica del reparto oncologico di Casarano alle reali esigenze assistenziali, riconoscendo all'Unità Operativa la configurazione di struttura complessa”. Il piano di riordino ospedaliero del 2002 prevedeva l'attivazione di soli 15 posti letto per il day hospital e l'ambulatorio oncologico del Ferrari divenuto ormai punto di riferimento di oltre 3mila pazienti provenienti da tutta la provincia ed anche oltre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!