Casarano riflette sulle Politiche

Remigio Venuti sotto verifica degli stessi Ds

Sono stati proprio i Ds a dare il via alle riflessioni da dopo-Politiche, votando un documento con il quale chiedono al direttivo una verifica sul programma elettorale del sindaco

Cominciata tra i partiti della maggioranza di centro-sinistra l’analisi del risultato del voto cittadino alle elezioni Politiche del 9 e 10 aprile scorsi, risultato che com’è noto non si è rivelato positivo per il governo cittadino. E’ stata la Segreteria dei Democratici di Sinistra a partire per prima, votando un documento con il quale ha chiesto al Direttivo della Quercia una verifica sul programma elettorale del sindaco Remigio Venuti. I membri della segreteria – Rocco Morgante (segretario), Elena Tornese, Giuseppe Farina, Andrea Fresco e Francesco De Marco (Mimino dei Baroni si è dimesso subito dopo le elezioni politiche) – insieme ad una severa valutazione dei primi due anni dell’attuale Consiliatura, hanno analizzato in dettaglio tutti i punti che compongono l’atto programmatico dell’attuale sindaco, verificandone lo stato di attuazione. Non si conosce la valutazione dei singoli punti, ma sembra che i voti affibbiati dai dirigenti diessini siano stati più negativi che positivi. Il documento è stato sottoposto all’attenzione del Direttivo, che si è già riunito la scorsa settimana, che dopo un’attenta analisi lo ha votato all’unanimità. Dettaglio non irrilevante, perchè il “parlamentino” dei Ds è composto anche dai consiglieri comunali, dagli assessori e dallo stesso sindaco. Al di là delle dichiarazioni ufficiali, quindi, i Democratici di Sinistra hanno valutato in modo negativo i risultati delle elezioni Politiche e, par di capire, strettamente legati all’attività amministrativa. Di questo se ne sarebbero resi conto anche gli stessi amministratori diessina. Dopo il voto unanime del Direttivo, è probabile che la Segretaria chieda a Venuti un rilancio dell’attività amministrativa che non può non avvenire attraverso un rimpasto in giunta. Ora si attendono le mosse della Margherita e dell’Udeur, gli altri partiti che fanno parte della maggioranza di centro-sinistra. Ma mentre il primo ha ben quattro rappresentanti in giunta, il movimento di Mastella non è rappresentato e in più occasioni ha rivendicato un posto nell’esecutivo.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!