Calendariomania

In concorso per aggiudicarsi il premio del “più bello”

Italia Nostra e Assessorato alla cultura di Parabita: “Il Calendario stampato da muro è diventato un cult e un mezzo di promozione del Salento”.

E’ un’iniziativa davvero particolare e contro corrente quella che stanno cercando di attuare la sezione Sud Salento di ”Italia Nostra” e l’assessorato alla cultura di Parabita. Di cosa si tratta? A spiegarlo è lo stesso Sergio Milelli, assessore alla cultura. “Abbiamo organizzato – afferma – una mostra-concorso su “Il Calendario salentino” che è rivolta a tutti i soggetti, privati e pubblici che abbiano realizzato uno o più calendari nel corso degli anni fino al 2005. Il riferimento ovviamente è ai calendari che rappresentano aspetti della tradizione, dell’ambiente e della cultura del territorio della provincia di Lecce”. Si tratta sicuramente di una bella sfida visto il pullulare in questi ultimi anni di calendari più o meno sexi…o più o meno pubblicitari. “Già da alcuni mesi – precisa Marcello Seclì, presidente di Italia Nostra – sono in circolazione i calendari del prossimo anno: calendari di santi e santuari, di veline e star, più o meno famose e più o meno svestite eccetera: tra non molto ce ne saranno in circolazione molti altri realizzati da aziende, testate giornalistiche, da enti e organismi pubblici e da una miriade di associazioni, confraternite, scuole e soggetti vari. – E continua – In questo variegato panorama per fortuna molti sono i calendari utilizzati come strumento per veicolare aspetti di carattere locale e territoriale e riferiti alle tradizioni, ai costumi e alle peculiarità ambientali e culturali di ogni luogo. Spesso sono iniziative che, senza pretesa alcuna, assumono il valore di una vera e propria iniziativa editoriale e comunque evidenziano, al di là dell’aspetto tradizionale e del genere di illustrazioni, un significato di appartenenza territoriale e un notevole impegno nella ricerca”. L’obiettivo principale di questa mostra-concorso è proprio quello di esaltare gli aspetti prima detti e “di dare visibilità – sottolinea Milelli – a quanti si prodigano con impegno e a volte con sacrificio nella produzione di tali elaborati. Basti pensare che il calendario stampato da muro è diventato, negli ultimi decenni, un mezzo sempre più utilizzato per le finalità più diverse tanto è vero che le funzioni originarie e cioè quelle di informare sull’avvicendarsi dei giorni, delle settimane e dei mesi, nonché sulle festività religiose e civili, sulle ricorrenze, sulle stagioni, sui periodi di coltivazione e sulle previsioni del tempo(chi non ricorda quello di Frate indovino, quelli delle banche locali e quelli del barbiere), si sono ridotte al minimo indispensabile”. Per partecipare a questa mostra concorso, è necessario compilare la scheda di iscrizione e farla pervenire unitamente al calendario o ai calendari all’ufficio Cultura del Comune di Parabita (telefono: 0833392354). Gli interessati possono prendere visione e scaricare la scheda di partecipazione e il regolamento sul sito: www.comuneparabita.le.it o rivolgendosi anche alla sezione di Italia Nostra (telefono: 0833593264). E’ opportuno ricordare che la mostra-concorso si svolgerà a Parabita durante il periodo delle prossime festività natalizie in base ad un programma che sarà successivamente divulgato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!