Tutti in attesa di Copeland

Il batterista Copeland apre la rassegna casaranese

Giovedì 21 luglio il primo appuntamento del festival “Oltremare-Entroterra”, la rassegna estiva promossa dal Comune di Casarano con la collaborazione della Provincia di Lecce e del Teatro Pubblico Pugliese. Si parte con Stewart Copeland, ex dei Police, per l’occasione accompagnato da un’inedita formazione. E piazza Indipendenza fa da cornice.

Casarano promuove un programma estivo che punta alla valorizzazione dei territorio dell’entroterra e continua a riscuotere, anno dopo anno, notevoli successi di pubblico. E’ il festival “Oltremare-Entroterra”, vero fiore all’occhiello dell’attività dell’Amministrazione casaranese. Questa rassegna, organizzata dal Comune di Casarano con la collaborazione della Provincia e del Teatro Pubblico Pugliese, e giunta ormai alla sua sesta edizione, si pone l’obiettivo di portare cultura e storia, attraverso il teatro e la musica, nei territori oltremare, tra le bellezze architettoniche, spesso poco conosciute, le strade, le piazze e gli spazi storici della città. Quest’anno il festival ha in serbo quattro appuntamenti di grande rilievo culturale, nelle suggestive cornici di due delle piazze principali della città, piazza Indipendenza e piazza Diaz, e del chiostro comunale. Si parte il 21 luglio con Stewart Copeland, ex batterista dei Police che, per l’occasione, incontra le tastiere di Vittorio Cosma (che ha alle spalle collaborazioni con Eugenio Finardi e la PFM) e la voce di Raiz (ex componente degli Almamegretta e oggi solista). Gli altri membri dell’inedita formazione sono Mauro Refosco, Armand Sabal-Lecco e David Fiuczynski. Per la prima volta, sullo stesso palco si susseguiranno le composizioni realizzate da Copeland per colonne sonore di film, brani storici dei Police degli Almamegretta. E questo è solo l’inizio. Altri tre appuntamenti da non perdere attendono tutti coloro che credono che il Salento non è solo mare e che esiste un altro modo di vivere l’estate. Nell’entroterra.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!