In cammino con Winspeare per 14 minuti

Il Salento e la ricerca interiore. Le radici e la bellezza.

Con il suo “Il Cammino” (durata 14’) Edoardo Winspeare ritorna all’arte del cortometraggio. Grande successo registrato a Roma. E dal 26 febbraio approderà anche su Sky. Per raccontare il Salento come luogo di ricerca interiore.

La serata di Roma Sky Lab Festival-Corti in una notte, di qualche giorno fa, ha proclamato il ritorno in grande stile del cortometraggio, veloce ed efficace forma d’arte. In rassegna, tra i 40 titoli realizzati da giovani registi italiani (prodotti da Sky in collaborazione con partners, quali “Fandango”, il Future Film Festival di Bologna e la Ga&A, specializzata in horror), anche Il Cammino, firmato Edoardo Winspeare, regista salentino. Quattordici minuti di concentrata poesia cinematografica, immersa tra sole, mare, terra e ulivi. “Il film mostra – racconta Winspeare – come un uomo d’affari leccese intraprenda un cammino in cui la bellezza della natura e della donna che lo accompagna, lo porteranno verso una trasformazione inattesa. Partito in macchina da Lecce e diretto a Leuca, per firmare il contratto d’acquisto di un terreno con vista sul mare per costruirvi una discoteca, il nostro uomo cambierà idea. La bellezza della ragazza e del luogo gli manderanno a monte il progetto”. il regista durante le riprese di un film Prodotto dalla società di Winspeare, la Saietta film, il corto è interpretato da Gustavo Caputo, un avvocato amico del regista che si è testato nelle insolite vesti di attore, e da Ada Facchini. Responsabile della fotografia e del montaggio, Andrea Facchini. Il corto è una ricerca di bellezza attraverso un cammino, quella “cammenata” con cui Winspeare intende il passo disteso e rilassato che induce a riflettere e a guardarsi intorno. E dentro. Tutto, in questo film, ruota sulla conservazione delle radici e sul rispetto della natura. La bellezza del Salento, infatti, ha cambiato il protagonista, restituendogli la sua identità. Ed ora l’appuntamento è per sabato 26 febbraio, a partire dalle h 22.50, con una selezione di cinque corti sui quaranta presenti alla rassegna di Roma, che andrà in onda su SkyCinamaAutore, all’interno di uno spazio settimanale dedicato al cortometraggio. I film, tutti realizzati in digitale e a basso costo, sono quelli di Edoardo Winspeare, di Mimmo Calopresti, di Gianluca Maria Tavarelli, di Pappi Corsicato e di Costanza Quatriglio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!