CUORE DI CUOIO

NON SOLO CALCIO. NELL'ULTIMO LIBRO DI COSIMO ARGENTINA LE VICENDE DI UN ADOLESCENTE TARANTINO SI INTRECCIANO CON QUELLE PIU' DOLOROSE DELLA VITA ITALIANA: LE BRIGATE ROSSE, LA CRISI DELL'ITALSIDER, L'UCCISIONE DI ALDO MORO

Puglia. Taranto. Stagione 1976/77, quella indimenticabile di Selvaggi e Jacovone. In questo arco temporale si svolge la storia narrata da Argentina, le cui vicende si intrecciano con quelle più dolorose della vita italiana: le brigate rosse, la crisi dell’Italsider, l’uccisione di Aldo Moro. Camillo Marlo, in arte Krol (come il calciatore olandese), ha 14 anni, vive in un quartiere popolare e la sua vita ruota intorno ad una sfera bianca a pentagoni neri che, da buon marcatore, è costretto a difendere dagli eloquenti silenzi del padre e da una fidanzatina che non può accarezzare perché imprigionata in un busto di gesso, ma la cui passione condivide con un gruppo di amici per la pelle. I ragazzini, terribilmente sfacciati nelle certezze dell’adolescenza, parlano una loro lingua, un dialetto stretto, filtrato da codici calcistici, tanto da affibbiare alle femmene nomi di squadre come Aston Villa, Ipswitch Town, e si muovono in un mondo popolato da personaggi che portano nel nome l’eco delle loro gesta (Il Fossile, Napoleone..). Un mondo fatto di mamme affacciate al balcone, di partite nei cortili, di bevute di “Raffo”. Camillo gioca nelle giovanili del Taranto e lo fa anche bene. Non a caso la Juve (del baron Causio e Dino Zoff) lo segue con interesse. Cuore di cuoio non è semplicemente un libro sul calcio. Cuore di Cuoio parla di sogni o meglio del fascino e della paura che esercitano su di noi nel preciso istante in cui stanno per realizzarsi… Cuore di cuoio (Sironi) Pagine: 160 Prezzo di copertina: € 13,00 Cosimo Argentina è nato a Taranto nel 1963 e vive in Brianza dal 1990. Ha esordito nella narrativa nel 1999 con Il Cadetto (Marsilio) e nel 2002 ha pubblicato Bar Blu Seves per lo stesso editore. Ha pubblicato racconti e poesie in varie riviste e quotidiani.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!