Coco

di Marcello Sacco

Un premio Nobel che ha fatto (anche) il paroliere

Ogni volta che il Nobel per la letteratura ci spiazza e ci tocca aggiornare provvisoriamente il “canone”, mi ritorna in mente una frase di Troisi, quella che libri e scrittori son milioni e milioni e noi non li raggiungeremo mai. Chi ha già ordinato Patrick Modiano in libreria può nel frattempo ascoltare le sue canzoni, una ventina di testi tenuti in fondo al cassetto. “Fond de tiroir” è appunto il titolo dell’album di Hugues de Courson a cui Modiano collaborò come paroliere. Molti pezzi verranno ripresi da altri interpreti, specie Françoise Hardy. In “Etonnez moi, Benoit” c’è una donna che sembra intenzionata a non perdersi per niente al mondo lo spettacolo d’arte varia di uno innamorato di lei (“cammina sulle mani… ingoia una pigna!”). In “Je fais des puzzles” l’uso di traslati e sinestesie oscilla fra Rimbaud e Modugnò; uno spericolato corteggiamento del kitsch che regala qualche momento d’imbarazzo nella dubbia operazione sulla strafamosa romanza di “Giochi proibiti”. Il risultato migliore lo troviamo risalendo alla complicità originaria con Hugues de Courson, come in “ La coco des enfants sages”. Dormi angioletto, che ai bimbi buoni arriva il Babbo Natale della polverina bianca. She don’t lie, she don’t lie, she don’t lie… la coco!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Marcello Sacco

Nato a Lecce, vive da anni a Lisbona dove lavora come professore, traduttore e giornalista freelance.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!