Danni al Negroamaro. Maniglio: ‘Nardoni illustri le misure in programma'

Bari. Il vicepresidente del Consiglio regionale ha scritto al presidente della IV Commissione Agricoltura chiedendone la convocazione urgente alla presenza dell'assessore e dei soggetti coinvolti

BARI – La grandinata dello scorso fine settimana ha messo a dura prova i campi del Negroamaro. Tra Salice Salentino, Campi Salentina e Guagnano i produttori stanno valutando i danni subiti, ma già si prevede che siano ingenti. E’ un altro grave colpo al reddito dei coltivatori, dopo quello relativo al danneggiamento delle produzioni di ciliegie delle province della Bat e di Bari. Il vicepresidente del Consiglio regionale Antonio Maniglio (Pd) ha dunque scritto al presidente della IV Commissione regionale Agricoltura, Orazio Schiavone, chiedendo di convocare con urgenza una riunione di Commissione alla presenza dell’assessore alla Risorse agricole Fabrizio Nardoni e di tutti gli interessati, tra cui sindaci, agricoltori, associazioni di categoria. “Proprio i pregiati vitigni del Negroamaro, ma anche quelli della Malvasia e del Primitivo – scrive Maniglio – hanno consentito a una serie di aziende, che hanno perseguito la strada dell’innovazione e della qualità, di affermarsi in Italia e nel mondo con vini eccellenti. Ecco perché le istituzioni non possono rimanere inerti. Ti chiedo pertanto, di concerto con le associazioni degli agricoltori, e coinvolgendo anche i sindaci dei comuni interessati, di convocare una riunione specifica della commissione agricoltura con il seguente ordine del giorno: ‘Audizione dell’assessore Nardoni sui danni del maltempo nell’area del Negroamaro salentino e le iniziative della Regione’”. Articoli correlati: Grandinata sui vigneti. Coldiretti fa la conta dei danni Ciliegie danneggiate da maltempo. Cia: ‘Misure straordinarie'

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!