Verso la Notte bianca. Tutti a raccolta

Lecce. Operatori commerciali, artigiani, ristoratori, imprese, tutti a Palazzo Turrisi per discutere dell’evento e trovare nuove forme di collaborazione

LECCE – Spettacoli ed intrattenimento in netto anticipo rispetto all’estate. Questo è l’obiettivo. Ed ecco perché la Notte Bianca di Lecce ritorna in primavera, proprio come per le prime due edizioni (14 aprile 2007 e 26 aprile 2008). L’evento, che negli scorsi anni ha convogliato nel capoluogo salentino circa 250mila visitatori, si terrà il 24 aprile 2014, organizzato ancora una volta dall’associazione culturale Obiettivo PrimoPiano in partnership con la Città di Lecce, nel programma di attività per Lecce Capitale della Cultura 2019. Per fronteggiare il delicato momento economico che ha investito anche Lecce e proporre una soluzione che trasformi La Notte Bianca in concreta opportunità per tutti, gli organizzatori, grazie al supporto di Confindustria Lecce e Confcommercio Lecce, intendono coinvolgere tutti coloro che operano sul territorio in favore della cultura e degli eventi. E’ nell’idea del fare squadra e del condividere un obiettivo che si snoda la cooperazione tra tutti gli attori della Notte Bianca per una raccolta di fondi collettiva destinata alla produzione dell’evento e alla sua migliore riuscita, ciascuno nel suo piccolo, a cominciare dalle attività commerciali per finire con cittadini e avventori. A tal fine è stata ideata una guida, “See Lecce” che sarà pubblicata in occasione de “La Notte Bianca Lecce”, distribuita nei giorni precedenti e durante l'evento al costo di 1 euro. Una vetrina di eccellenze, di piccole e grandi realtà imprenditoriali, commerciali e ricettive che rendono la città una meta ambita e vissuta con piacere da turisti e avventori. Operatori commerciali, artigiani, ristoratori, imprese sono dunque chiamati a raccolta per partecipare al tavolo di lavoro che si terrà oggi alle 11 a Palazzo Turrisi. Sarà l’occasione per discutere la pianificazione dell’evento, per presentare la guida e trovare nuove opportunità di collaborazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!