Mazzei, oggi l’ingresso in Consiglio regionale

Bari. Dopo le dimissioni di Vadrucci, oggi è il giorno dell’insediamento ufficiale di Luigi Mazzei, consigliere comunale a Calimera

BARI – L’ingresso ufficiale in Consiglio regionale è previsto per oggi. A seguito delle dimissioni del consigliere Mario Vadrucci, infatti, Luigi Mazzei entrerà a far parte dell’assise regionale, andando a sedere tra i banchi dell’opposizione nel gruppo Pdl-Forza Italia. “Sarà una giornata da dedicare alla conoscenza dei colleghi consiglieri – commenta Mazzei – in modo tale da prendere confidenza in maniera graduale con la macchina politico amministrativa della Regione Puglia. Di certo sarò impegnato con tutto me stesso per corrispondere la fiducia di tutti quegli elettori che quattro anni fa mi hanno onorato del loro sostegno, senza il quale non potrei essere qui.” Luigi Mazzei, nato il 25 settembre del 1959, a Charleroi, in Belgio, è dirigente provinciale di Forza Italia di Lecce e vanta una lunga esperienza amministrativa nel Comune di Calimera, dove risiede e svolge la funzione pubblica di consigliere comunale, capogruppo di maggioranza e capogruppo di Forza Italia nel consiglio dell’Unione della Grecìa salentina. E’ stato assessore ai lavori pubblici. Dal 2009 è capo di gabinetto del presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e negli anni ha promosso molte attività di carattere sociale e culturale, tra le quali l’istituzione dell’Osservatorio Urbanistico provinciale Teknè, fondato nel 2005 proprio da Mazzei, che ne è direttore. L’Osservatorio organizza ogni anno il Premio Teknè, un concorso di idee riservato ai Comuni del territorio che vi partecipano con le più significative opere pubbliche realizzate negli ultimi anni. Articolo correlato: Regione, Vadrucci si dimette

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!