Lecce creativa, spazio ai giovani artisti

Lecce. Talk con Sarah Ciracì e collettiva di dieci artisti. In programma installazioni, video, dipinti, sculture e performance tra il Must e Palazzo Vernazza

LECCE – Lecce la vive, quest’anno, con ancora più partecipazione. Probabilmente per via della candidatura e dell’impegno in vista della conquista del titolo di “Capitale europea della cultura 2019”. E’ la Giornata europea della creatività, evento al quale sono legate numerose iniziative. In continuità con le mission del progetto CreArt – finalizzato al sostegno, attraverso mostre, workshop e attività editoriali, della creatività giovanile – alle ore 10, nella sala conferenze del museo Must si terrà un talk con l’artista Sarah Ciracì aperto agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce e dei licei artistici del territorio salentino. Nata nel 1972 a Grottaglie (Taranto), da numerosi anni è tra le protagoniste dell’arte contemporanea italiana e non solo. Nel 2003 ha vinto il Premio New York, con una borsa di studio alla Columbia University. Il talk, realizzato in stretta collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Lecce, fa seguito a una serie di dialoghi già avviati durante il 2013 con gli artisti Luigi Presicce e Francesco Arena. Secondo appuntamento alle ore 18.30, a Palazzo Vernazza-Castromediano, dove sarà inaugurata una mostra collettiva con dieci artisti contemporanei (dai 18 ai 40 anni) selezionati negli scorsi mesi dopo un apposito bando promosso dal Comune di Lecce nell’ambito del progetto CreArt. Network of cities for artistic creation. I dieci artisti “abiteranno” gli spazi dell’antico palazzo, i linguaggi dell’arte contemporanea si mixeranno con la storia di quel luogo per creare un itinerario intenso tra installazioni, video, dipinti, sculture e performance. La mostra, curata da Lorenzo Madaro, direttore artistico del progetto CreArt, s’intitola “Le verità immaginate” e proporrà opere, alcune site-specific, di Andrea Buttazzo, Daniele Coricciati, Alfonso De Lorenzis, Sandro Marasco, Mariangela Marra, Gabriele Mauro, Samuel Mele, Cristiano Pallara, Francesco Perla ed Emanuela Rizzo. “La giornata europea della creatività a Lecce, con gli eventi e le manifestazioni organizzate nell’ambito del progetto CreArt – spiega Alessandro Delli Noci, assessore alle Politiche Giovanili, Comunitarie e all’Innovazione – dimostra ancora una volta la nostra attenzione verso i giovani artisti salentini, in primis gli studenti che frequentano l’Accademia di Belle Arti della città e i licei artistici del territorio. Crediamo, infatti, nella necessità di offrire loro spazi ed opportunità per dimostrare il loro talento e mettersi in luce a livello locale e non solo. CreArt garantisce possibilità di scambio con realtà che hanno le medesime mission, in questo caso il confronto tra artisti e operatori culturali e la possibilità di promuovere il loro lavoro all’interno di un network di respiro internazionale. Per una città che aspira a diventare Capitale della Cultura, direi che l’apertura verso l’Europa e verso le sue opportunità sia un tassello fondamentale ed imprescindibile”. Secondo Luigi Coclite, assessore al Turismo, Spettacoli e Marketing territoriale, “la Giornata europea della creatività è una vera e propria festa dell’arte che coinvolge la nostra città. Perciò siamo felici di mettere nuovamente a disposizione degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce, dei licei artistici del territorio e del pubblico i nostri spazi più prestigiosi: il Must e Palazzo Vernazza Castromediano. Lecce, pertanto, anche in vista della candidatura a Capitale Europea della Cultura per il 2019, si conferma una città attenta non solo ai valori della tradizione, ma aperta anche alle nuove proposte dell’arte e della creatività in genere”. In occasione della Giornata della creatività, poi, #youeurope in camper – l’iniziativa organizzata dal Centro di informazione Europe Direct Salento, nato da una partnership dell'Università del Salento ed il Comune di Lecce – farà nuovamente tappa nel capoluogo per promuovere la cittadinanza europea in vista delle elezioni 2014 del Parlamento europeo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment