Regione, i precari ai consiglieri: ‘Non ci strumentalizzate’

Bari. Una lettera inviata dai 375 lavoratori precari della Regione Puglia ai consiglieri regionali fa chiarezza e difende la regolarità delle assunzioni

BARI – Ecco la lettera inviata dai lavoratori precari della Regione Puglia a gli stessi consiglieri regionali. Responsabili, secondo i firmatari, di strumentalizzare il loro ruolo e la loro assunzione per una guerra politica. Troppe falsità sono state dette e troppe menzogne sulla vicenda dei precari della Regione Puglia, talmente tante da meritare un chiarimento diretto, visto che alcuni organi di stampa e i consiglieri regionali che scrivono di noi non hanno mai ritenuto essenziale verificare le fonti delle notizie strombazzate o parlare con qualcuno dei precari. Innanzitutto i precari a td della Regione Puglia ammontano a 375 unità di personale(tra cat. D1 e cat. C), meno dei 400-500 che leggiamo sui giornali, nessuno è stato assunto tramite short list, tutti abbiamo superato selezioni pubbliche valevoli ai sensi dell'art.97 della Costituzione (come sancito sia da Consiglio di Stato che da Corte Cassazione per altre vicende similari), a cui potevano partecipare tutti. L’unico requisito richiesto era l’esperienza di 12 mesi in una PA o presso il privato e non come qualcuno sostiene “l’esperienza nelle stesse posizioni messe in palio”. I precari della Regione Puglia sono un numero limitatissimo rispetto le situazioni di altre Regioni d’Italia, dove nonostante numeri più consistenti si è proceduto alla stabilizzazione del personale precario, la fascia di età va dai 30 ai 60 anni. Lavoriamo da anni al servizio della collettività (dai buoni di conciliazione per l'asilo nido, alla VIA, al piano paesaggistico, alla sanità, ciclo dei rifiuti, all'agricoltura, al lavoro, ai fondi europei) lo facciamo al massimo anche quando le campagne mediatiche aizzate strumentalmente ci mettono in mezzo ad un gioco politico che non è nostro. Ci sono colleghi che lavorano in Regione da 10 anni, questo perché sono stati ritenuti strategici ed indispensabili per l’amministrazione, lo stipendio è quello previsto nel CCNL enti locali per la cat. D1, sicuramente non è uno stipendio da dirigente. Siamo quelli “che tirano la baracca” quando ben altri sono i posti distribuiti politicamente. Si continua ad assistere ad una bagarre sui giornali sui raccomandati: non hanno mai fatto i nomi, accomunandoci come se tutti lo fossimo, instillando dubbi pesanti nel più becero dei modi su persone che lavorano per raggiungere risultati evidenti a tutti. Fare di tutta un’erba un fascio è più semplice e produttivo, utile allo scopo. Passiamo al concorso da 200 D, non da Dirigenti come qualcuno ha scritto. La Regione Puglia sta bandendo un concorso per 200 funzionari di cat. D1 totalmente aperto all’esterno, senza alcuna riserva di legge, concedendo al personale dipendente di non effettuare le prove preselettive (mentre comunque dovrà sostenere 2 scritti e 2 orali) e di valorizzare l’esperienza acquisita nell’Ente. Il motivo di questa decisione trova origine nel fatto che la Regione Puglia per molto tempo non potrà effettuare concorsi con riserva di legge a seguito della famosa vicenda dei “retrocedendi” pugliesi, difesi da una legge nazionale bipartisan. Dobbiamo riscontrare che qualche consigliere regionale non conosce la storia del personale della Regione e non conosce le ripercussioni giuridiche della vicenda retrocessi. Ai precari della Regione Puglia mai potrà essere assicurato la riserva almeno del 40% dei posti messi a concorso come prevede ad es. la L. 125/2013. Facciamo presente ai consiglieri distratti, che l’aula di cui fanno parte ha approvato all’unanimità ben 2 ordini del giorno con cui hanno chiesto alla giunta regionale di porre in essere tutte le possibilità per la stabilizzazione del personale precario. Oggi non possiamo sopportare passivamente di essere gettati alle ortiche. Abbiamo troppo da difendere, la nostra vita e quella dei nostri figli dipende dal nostro posto di lavoro, la nostra professionalità acquisita in anni di lavoro non può essere schiacciata in maniera subdola e meschina. La macchina regionale per anni si è fondata anche sul nostro lavoro, in alcuni casi solo sul nostro lavoro (interi uffici retti da precari) e adesso che dovremmo fare? Metterci da parte? Ci si rende conto delle conseguenze? Tutto l’apparato amministrativo si bloccherebbe con evidenti ripercussioni sui servizi al cittadino. Vogliamo sottolineare infine che il concorso è un percorso parallelo rispetto alla stabilizzazione a seguito dell’attuazione dell’art. 1 comma 529 della legge di stabilità, non è la prima volta che la PA stabilizza il proprio personale precario a seguito di norme nazionali (dalla Prodi in poi migliaia di lavoratori sono stati stabilizzati), non è la prima volta che la Politica (quella vera) cerca di dare delle possibilità per uscire dalle sacche del precariato ai lavoratori, sono stati stabilizzati lavoratori nei Comuni, Provincie, Regioni, Ministeri, in ogni settore del pubblico impiego. Tuteleremo il nostro diritto alla stabilità lavorativa ed alla nostra dignità attraverso tutte le forme consentite. Non vogliamo essere coinvolti dalla macchina del fango. La smetta la politica di giocare sulla pelle dei lavoratori e delle loro famiglie, stiamo parlando di onesti lavoratori che campano le proprie famiglie da quell’unico stipendio. Dalla parole si passi ai fatti, e la politica guidi i processi piuttosto che seguirli distrattamente: stabilizzate il personale precario, valorizzate il personale storico e date opportunità a tutti attraverso il concorso. Ciò nell’interesse dei lavoratori e della stessa amministrazione, evitando le strumentalizzazioni politiche e giornalistiche.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!