Carpe Diem: raccolta differenziata nelle scuole

Lecce. L’associazione giovanile chiede alla istituzioni di intraprendere un progetto comune per spingere al rispetto del territorio

LECCE – Un dialogo serrato con le istituzioni con le quali intraprendere una battaglia comune: quella in nome della raccolta differenziata. L’associazione giovanile Carpe Diem parla alle scuole. E lo fa proprio attraverso la voce dei suoi rappresentanti eletti nelle principali scuole superiori leccesi (Palmieri, Banzi, Virgilio, De Giorgi). “Ci rivolgiamo alle istituzioni – spiegano – per intraprendere assieme un proficuo percorso formativo su tale tematica, articolato inizialmente in una serie di incontri itineranti con i rappresentanti politici ed i tecnici degli uffici preposti”. In un secondo momento, i ragazzi chiederanno alle istituzioni di fornire ad ogni classe delle scuole superiori leccesi gli appositi contenitori colorati adibiti alla raccolta differenziata, oltre ad un servizio settimanale di ritiro dei rifiuti raccolti. “Noi giovani vogliamo offrire uno stimolo per salvaguardare il nostro ambiente: ora la parola passa alle istituzioni, noi ci faremo trovare pronti ed auspichiamo quanto prima un incontro di organizzazione del progetto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!