Pallacanestro, ritornano le Giornate azzurre

Brindisi e Cerignola. Oggi e domani per verificare il lavoro stagionale. Centro giovani convocati

BRINDISI E CERIGNOLA – Ritornano in Puglia le Giornate Azzurre di pallacanestro. Due le tappe previste, oggi a Brindisi e martedì 11 a Cerignola: presente per l'occasione il tecnico delle Squadre Nazionali Giovanili Antonio Bocchino, che assisterà agli allenamenti di cento giovani cestisti, convocati in rappresentanza di quattro classi, dai 1997 ai 2000. “Le Giornate Azzurre sono momenti importanti per la verifica del lavoro stagionale – rimarca il dirigente responsabile Francesco Damiani –. E lo sono ancora di più quest'anno, con la novità dei Centri Tecnici regionali. Per i ragazzi inseriti in questo progetto è arrivato il momento di toccare con mano cosa significhi lavorare con gli staff delle squadre Nazionali”. Si tratta di una importante occasione di valutazione anche per i tecnici regionali: “Le Giornate Azzurre – ricorda Damiani – offriranno loro la possibilità di rivedere ragazzi che da qualche anno non fanno più parte delle selezioni o che potrebbero farne parte a breve. Insomma, fra Cerignola e Brindisi metteremo in vetrina il meglio che la nostra pallacanestro possa offrire. E non dimentichiamo che grazie a questi appuntamenti qualche ragazzo pugliese in Nazionale c'è arrivato davvero”. Si comincia questo pomeriggio al PalaPentassuglia di Brindisi: previsti, oltre alle sedute di allenamento, anche incontri di coach Bocchino con gli allenatori dei giocatori convocati. A chiudere il programma di giornata, un clinic per allenatori, alla presenza anche del tarantino Cosimo Santarcangelo, responsabile territoriale preparatori fisici, e di Maurizio Cremonini, responsabile tecnico Minibasket. La replica, con altri ragazzi ad alternarsi sotto canestro, l'indomani a Cerignola, al Palabasket Nando Di Leo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment