Capone, i beni culturali sono strategici

Roma. Modifiche al Codice dei Beni culturali.‘Un altro passo importante per rafforzare il ruolo strategico della cultura nel nostro paese’ Conferma Capone

Roma. I beni culturali hanno un ruolo fondamentale per seondo Salvatore Capone. “Un altro, importante passo avanti per affermare la centralità della cultura nel nostro paese e il ruolo strategico delle professioni in materia di beni culturali, e che rafforza il grande lavoro già svolto in questa direzione dal Ministro Bray. L’approvazione unanime oggi alla Camera delle Modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio in materia di professionisti dei beni culturali, con l’istituzione di relativi elenchi nazionali, sana un’antica ferita, e riconosce il ruolo di quanti, archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi, restauratori di beni culturali e collaboratori restauratori di beni culturali, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell'arte, impegnati quotidianamente con passione e dedizione nella difesa del nostro patrimonio storico e culturale materiale e immateriale, nella tutela e salvaguardia dei beni culturali, attendevano da tempo di veder riconosciuto il proprio fondamentale ruolo. Un provvedimento di iniziativa parlamentare, importante anche per il clima di condivisione e di confronto positivo che si è registrato nel suo iter, e che certamente avrà ricadute importanti sul mercato del lavoro innanzitutto per le categorie coinvolte, e anche per il nesso che istituisce in maniera forte tra tutela, salvaguardia, valorizzazione e fruizione. Una fruizione non slegata dal processo stesso di tutela – conclude – ma anzi immaginata essa stessa come momento fondante nel percorso integrato di recupero e salvaguardia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment