Si chiude la stagione sinfonica

Lecce. Il Maestro Lior Shambadal dirige l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa nell’ultimo appuntamento della Stagione Sinfonica

Lecce. Si conclude la Stagione Sinfonica e di Balletto Autunno-Inverno 2013 | 2014 della Fondazione ICO Tito Schipa di Lecce. L’ultimo concerto si terrà sabato 11 gennaio a Lecce sul palco del Teatro Politeama Greco alle ore 21:00, il Maestro Lior Shambadal dirigerà l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa accompagnato dalla voce del Soprano Nila Masala. Sabato 11 gennaio alle ore 10:30 al Teatro Politeama Greco ci sarà il consueto concerto dedicato alle scuole. Al concerto parteciperanno anche i sei allievi provenienti da Francia, Germania, Israele, Italia e Russia della Masterclass in direzione d’Orchestra tenuta dallo stesso Maestro Shambadal in questi giorni. Il programma musicale prevede le opere: il Coriolano, ouverture in do min. op. 62 di Ludwig van Beethoven, Syntax 0.1 di Ivan Fedele, Lieder eines fahrenden Gesellen di Gustav Mahler e la Sinfonia n. 3 in fa magg. op.90 di Johannes Brahms. L'Ouverture del Coriolano fu scritta da Beethoven nei primi mesi del 1807 come intermezzo alla tragedia omonima di Heinrich Joseph von Collin. L'Ouverture fu concepita come brano musicale a sé stante e non come componimento di inizio dello spettacolo teatrale. Il dramma del Coriolano è ispirato alla leggenda dell'eroe Gaio Marcio, soprannominato Coriolano per aver espugnato l'antichissima città dei Volsci, offrendo loro collaborazione per combattere contro i romani. A questo punto la moglie Volumnia e la madre Veturia lo supplicano di non tradire la patria ed egli, combattuto fra il sentimento dell'onore e quello della vendetta, viene assassinato dai Volsci. Questa è la versione utilizzata da Shakespeare, mentre quella di Collin vede Coriolano suicida, per l'insanabile contrasto di coscienza tra la parola data ai Volsci e l'incapacità di marciare contro Roma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment