TAP, al via la seconda fase di sondaggi ambientali

Melendugno. Al via la seconda fase della campagna di sondaggi ambientali lungo la rotta del gasdotto a mare

Melendugno. Inizierà domani la seconda fase della campagna di sondaggi ambientali che riguarderà le aree marine che saranno interessate dal passaggio del gasdotto. “I risultati – fanno sapere dall'azienda – della campagna di sondaggi serviranno ad integrare lo Studio di Impatto Ambientale consegnato da TAP il 10 settembre 2013 e rispondono ad una delle richieste del Ministero dell’Ambiente nel suo parere di scoping del novembre 2011 (il parere di scoping è riportato nell’allegato 1 dello Studio di Impatto Ambientale consegnato da TAP a settembre 2013). Le analisi ambientali, che prevedono la presenza di personale ARPA a bordo per la supervisione delle operazioni, consisteranno nella raccolta di campioni di sedimento. Durante i sondaggi, verrà svolta un’ispezione visiva del fondale marino tramite telecamera subacquea lungo il percorso del gasdotto, con lo scopo di valutare, con sempre maggiore dettaglio, la conformazione e la composizione dei fondali sottomarini, in modo da garantire che il gasdotto possa integrarsi con l’ambiente. Le indagini saranno svolte nel pieno rispetto della flora e della fauna marina nell’area interessata dalla campagna di rilevamenti”. I sondaggi saranno effettuati con un’imbarcazione di 23 metri di lunghezza, la R/V Astrea, e con l’ausilio di due imbarcazioni di piccole dimensioni, noleggiate localmente, utilizzate per le indagini vicino alla costa. “Al fine di permettere un sereno ed efficace svolgimento delle attività di sondaggio offshore – concludono – la Capitaneria di Porto di Otranto ha emesso un’ordinanza che dispone, dalle ore 07.30 alle ore 16.30, una distanza di sicurezza di almeno 250 metri dalle imbarcazioni impegnate nei sondaggi a tutte le unità in transito, sosta, intente in pesca o in qualsivoglia altra attività connessa all’uso del mare in prossimità della costa di San Foca. L’ordinanza sarà attiva dal giorno 8 gennaio fino al 18 gennaio 2014. Il calendario potrebbe subire variazioni a causa di condizioni meteorologiche avverse che impediscano il corretto svolgimento delle operazioni. In tal caso, TAP provvederà a fornire ulteriori comunicazioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment