Photored, contestazione immediata pena nullità

Lecce. Il Giudice di Pace conferma che per la rilevazione delle infrazioni mediante il photored è necessaria la contestazione immediata

Lecce. Lo “Sportello dei Diritti” segnala che il Giudice di Pace di Lecce, Avv. Anna Maria Aventaggiato, con recentissima sentenza n. 4862 del 12.12.13, ha accolto il ricorso proposto da un automobilista multato per aver attraversato un incrocio col semaforo proiettante luce rosse. Il ricorrente si era rivolto, in prima istanza, al Prefetto per chiedere l’anamento del verbale elevato dal Comune di Lizzanello. Tuttavia, il Prefetto rigettava il ricorso. Per Giudice di Pace di Lecce adito, invece, risultano fondati i motivi di ricorso con cui il ricorrente, assistito dall’Avv. Alfredo Matranga, ha censurato l’errata applicazione della strumentazione elettronica utilizzata per il rilevamento dell’infrazione, considerato anche che la stessa non è stata immediatamente contestata all’autore della violazione, da parte degli agenti della polizia municipale. Ed infatti, secondo il Giudice non è sufficiente accertare tale tipo d’infrazione con la sola documentazione fotografica, peraltro neppure depositata in giudizio dal Comando dei Vigili Urbani, con conseguente applicazione dell’art. 6 comma 11 del D.lgs. n. 150/11 che impone al Giudice di accogliere il ricorso quando non vi sono sufficienti elementi di responsabilità. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, un’altra interessante in materia di rilevazioni elettroniche delle infrazioni al Codice della Strada che la dice lunga sulla scarsa trasparenza dell’agire amministrativo quando si tratta di utilizzare tali apparecchi più per “far cassa” che per effettive esigenze di sicurezza stradale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!