Passo avanti sulla cittadella della giustizia

Lecce. Via libera dalla giunta comunale alla delibera propedeutica all’avviso pubblico per l’individuazione dei terreni dove sorgerà la struttura

Lecce. La giunta comunale ha approvato oggi la delibera di avviso pubblico per l'individuazione dei terreni per la localizzazione della Cittadella della Giustizia. Le caratteristiche minime individuate nel bando sono l'ubicazione nell'agro di Lecce; le dimensioni di circa 6/7 ettari di forma regolare, l'urbanizzazione e la vicinanza con i collegamenti viari principali (tangenziali cittadine). I proprietari dei terreni interessati avranno trenta giorni dalla pubblicazione dell'avviso per presentare una dichiarazione di interesse così come prevista. Nella delibera si evidenzia la particolare gravità della problematica della mancanza di spazi da destinare ad Uffici Giudiziari, in particolar modo a seguito dell'accorpamento delle sezioni distaccate di Tribunale e che ad oggi il Comune di Lecce non ha immobili di sua proprietà da poter destinare ad attività per la giustizia. “Sono soddisfatto – commenta il consigliere comunale Daniele Montinaro, delegato dal sindaco Perrone a seguire la vicenda – in quanto avevo fissato per la fine dell’anno il via libera al bando. Si tratta solo di un primo passo al quale dovrà seguire, una volta individuato il sito, il bando vero e proprio per il project financing. E’ comunque un segnale importante che fa capire che l'Amministrazione ed il sindaco sono convinti nella effettiva possibilità di portare a termine l'iter amministrativo per la costruzione della Cittadella nel più breve tempo possibile, un’opera oramai assolutamente indispensabile per il nostro territorio”. Alla scadenza del termine dato nell’avviso pubblico, l'Amministrazione formerà una Commissione alla quale parteciperanno anche delegati della magistratura, dell'avvocatura e del personale amministrativo, per valuterà le offerte pervenute.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!