Codacons, riparte la battaglia sugli estimi catastali

Lecce. L’avvocatura generale dello stato ha notificato ad Adusbef – Adoc e Codacons il ricorso in appello al consiglio di stato

Lecce. L’Agenzia delle Entrate ed il Ministero dell’Economia, per il tramite dell’Avvocatura Generale dello Stato, hanno impugnato davanti al Consiglio di Stato la Sentenza a suo tempo emessa dal TAR di Lecce sulla questione degli estimi”. Lo rende noto Codacons in una nota. “L’Avvocatura Generale ha riproposto innanzi al Giudice superiore le medesime argomentazioni avanzate davanti al TAR di Lecce evidenziando la perfetta legittimità dell’operato dell’Amministrazione finanziaria. Adoc – Adusbef e Codacons nei prossimi giorni si costituiranno in giudizio per difendere i diritti e le ragioni dell’intera città. Nulla cambia con riferimento a chi ha presentato ricorso innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale considerando che i Giudici Tributari stanno progressivamente anando gli avvisi di accertamento per ragioni simili ma diverse rispetto a quelle prospettate dal Tar di Lecce che ha invece centrato la propria analisi sull’illegittimità della procedura amministrativa seguita dal Comune di Lecce e dall’Amministrazione delle Entrate. Per gli altri cittadini che non hanno fatto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale tutto dipenderà dagli esiti del giudizio innanzi al Consiglio di Stato. La prima udienza per la sospensiva sarà chiamata davanti al Consiglio di Stato per il giorno 27 novembre. Adesso ci si aspetta una adesione forte da parte del Comune alle ragioni difese dalle associazioni dei consumatori, si fa quindi un forte appello affinché il Comune di Lecce si costituisca in giudizio difendendo le ragioni della impareggiabile Sentenza emessa dal Tar Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!