Balletto del Sud, va in scena la Carmen

Lecce. Con le coreografie di Fredy Franzutti il Balletto del Sud porta in scena la Carmen presso i cnatieri Koreja

Lecce. Il Balletto del Sud del coreografo salentino Fredy Franzutti, è protagonista della manifestazione “Open dance”, presso i Cantieri Teatrali Koreja a Lecce, con uno dei suoi spettacoli di maggiore successo, la Carmen. Lo spettacolo narra le disavventure amorose della bella sigaraia di Siviglia, che nella ricerca della libertà trova la morte per mano del giovane amante, il soldato Josè. La Carmen di Fredy Franzutti, sin dalle prime rappresentazioni mette d’accordo critica e pubblico. Ambientata in una Spagna letta da un punto di vista non autoctono, lo spettacolo sembra evidenziare la componente esotica di quei luoghi, esaltando caratteristiche e tradizioni della terra spagnola. Con le sue intense coreografie e una continua e costante narratività la Carmen di Franzutti è un affresco pittoresco carico di vitalità e dinamismo. Alle musiche di Bizet e alle sonorità spagnole, si affiancano opere di altri autori che guardano alla Spagna dalla raffinata Parigi (Albéniz, Chabrier, Massenet). Le scene sono di Francesco Palma che traspone nel balletto le impostazioni e le suddivisioni sceniche del melodramma di Bizet. Danza nel ruolo principale Letizia Giuliani, nome di spicco nel panorama internazionale e nuovo orgoglio della danza italiana; accanto a lei, nel ruolo di Don José, Ervis Nallbani, primo ballerino del Teatro dell'Opera di Tirana, il torero Escamillo è Alessandro De Ceglia, mentre Micaela è Chiara Mazzola, rispettivamente primo ballerino e solista del Balletto del Sud. Lo spettacolo Carmen sarà in scena il 16 novembre al Teatro Team di Bari. Spettacoli: Lunedì 11 novembre ore 10.00 (spettacolo per le scolaresche) Martedì 12 novembre ore 10.00 (spettacolo per le scolaresche) e ore 21.00 Mercoledì 13 novembre ore 10.00 (spettacolo per le scolaresche) e ore 21.00

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!