Rapina una tabaccheria, un maglione lo inchioda

Copertino. Lo scorso aprile aveva rapinato una tabaccheria, a seguito di complesse indagini i militari hanno individuato l'autore grazie ad un maglione

Copertino. Incastrato da un maglione. I militari della Tenenza di Copertino hanno eseguito, questa mattina, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Marco Cimmina, 27enne di Monteroni accusato di aver compiuto la rapina nella Tabaccheria Zizzari, in Copertino, il 20 aprile 2013. A seguito di quella rapina, che aveva fruttato oltre 3000 euro, i militari della Tenenza di Copertino hanno avviato una complessa attività investigativa che si è avvalsa del controllo del sistema di videosorveglianza della tabaccheria e di alcuni locali vicini. Da questi primi rilevamenti era emersa la presenza dell’auto utilizzata per la rapina, una Fiat Panda bianca poi ritrovata nelle campagne intorno a Lizzanello e risultata essere provento di furto. Dentro quell’auto i rapinatori avevano lasciato parte degli indumenti utilizzati per la rapina tra cui i passamontagna, ricavati dalle maniche di un maglione. Passati all’analisi del traffico telefonico della zona della tabaccheria, era apparsa subito strana la presenza del Cimmina a Copertino sia la sera della rapina che due giorni prima. Infatti il giovane, già pregiudicato, era disoccupato e non avrebbe avuto motivo di recarsi a Copertino cui non era legato né da parenti né da amici o conoscenti. A questo punto le indagini si sono concentrate sul monteronese a casa del quale, a seguito di una perquisizione, è stato trovato il maglione, con le maniche tagliate, da cui sono stati ricavati i passamontagna. Sulla base di questo grave quadro indiziario i carabinieri di Copertino hanno richiesto l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare che è stata concessa dal GIP Dott.ssa Annalisa De Benedictis. Il giovane, dopo le formalità di rito, è stato condotto alla casa circondariale di Borgo S. Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!