La Puglia dell’innovazione

Bari. Nichi Vendola ha firmato un protocollo d’intesa con il Cnr per l’innovazione e la collaborazione tra i due enti

Bari. “In Puglia noi abbiamo avuto il coraggio dell'innovazione. E il centro nazionale delle ricerche e' stato uno dei principali attori della trasformazione del salvadanaio comunitario in investimenti concreti che implementano quelle politiche dell'innovazione che sono fondamentali per guadagnare futuro”. Si è espresso così Nichi Vendola dopo la sottoscrizione, insieme al presidente del Cnr Luigi Nicolais, all'assessore regionale allo sviluppo economico Loredana Capone e alla presidente dell'agenzia regionale per la tecnologia e l'innovazione Eva Milella , protocollo d'Intesa per integrare la collaborazione tra i due enti sulla smart specialisation. “In questi anni – ha proseguito Vendola – abbiamo lavorato perche' fossero abbattute le barriere delle competenze, delle compartimentazioni che fanno di ciascun soggetto una sorta di monade incomunicante. Per noi e' molto importante lavorare per mettere insieme il sistema pubblico dell'innovazione. Significa mettere intorno a un tavolo tutti gli attori e consentire al Cnr di essere veramente il valore aggiunto in termini di progettazione, qualificazione dei progetti e validazione della loro qualita'”. “La ricerca e l'innovazione – ha spiegato Loredana Capone – sono talmente importanti per noi che abbiamo costruito un logo 'smart Puglia', per intendere una strategia di smart specialisation. Vogliamo far emergere i settori piu' importanti in cui sono presenti le eccellenze e accompagnarle con attivita' di trasferimento tecnologico e con una diffusione della cultura dell'innovazione. E' questo quello che chiediamo, attraverso questo protocollo, al Cnr: accompagnare la Regione Puglia in un'attivita' pervasiva presso le scuole e le Universita' e i centri di ricerca”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!