Premiato il portale dell'Arti

Bari. Il portale dell'agenzia per l'innovazione della regione è stato premiato in materia di trasparenza.

Bari. Primo posto in Italia per il sito dell’ Agenzia per la Tecnologia e l’Innovazione della Regione Puglia (ARTI). Il podio è arrivato dopo la rilevazione del sistema di valutazione chiamato “Bussola della Trasparenza”, strumento implementato dal Ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione. L’ARTI ha tempestivamente recepito le indicazioni contenute nel d.lgs. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e le relative delibere CIVIT, adeguando la struttura del sito ai nuovi obblighi di pubblicazione. Al fine di migliorare continuamente l’accessibilità e la qualità delle informazioni, l’ARTI ha predisposto un’apposita macro-sezione “Amministrazione trasparente” contenente tutti i dati, le informazioni e i documenti che riguardano l’organizzazione e le attività dell’Agenzia. Dalla classifica emerge come il sito dell’agenzia soddisfi tutti i 66 indicatori previsti dai nuovi adempimenti. “Questo prestigioso piazzamento nella classifica nazionale è per l’ARTI un incoraggiante riconoscimento di un impegno quotidiano al servizio del sistema dell’innovazione e di tutti i cittadini “ dichiara la Presidente dell’Agenzia, Eva Milella, che prosegue “ Un impegno che va anche nel senso della sempre maggiore trasparenza del nostro operato di pubblica amministrazione”. A salire sul podio insieme ad ARTI anche altre tre amministrazioni, anch’esse prime classificate: ACI – Automobil Club d’Italia, AIFA -Agenzia Italiana del Farmaco e l’Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!