Truffa all'Inps -scoperti 64 falsi braccianti agricoli

Lecce. Truffa all’inps per oltre 253mila euro. La Guardia di Finanza di Gallipoli ha scoperto 64 falsi braccianti agricoli

Lecce. Scoperti nel sud Salento 64 falsi braccianti agricoli. La Compagnia della Guardia di Finanza di Gallipoli, e gli ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro di Lecce, hanno scoperto una truffa ai danni dell’Inps per oltre 253mila euro perpetrata da un’impresa agricola del Sud Salento. In particolare, è stato appurato che l’azienda, nel periodo dal 2009 al 2013, ha costituito complessivamente 248 rapporti fittizi di lavoro subordinato a tempo determinato, per un totale di 11.504 giornate di lavoro, nei confronti di 64 soggetti risultati falsi braccianti agricoli. Di questi, 56 sono risultati richiedenti/percettori di indennità di disoccupazione agricola, di malattia e di maternità erogate dall’INPS. Stando agli elementi probatori acquisiti, i titolari dell’impresa denunciavano fittizie giornate di lavoro agricolo in favore dei falsi braccianti, ricevendo in cambio somme di denaro che oscillavano, per ciascun anno, dai mille ai duemila euro ed anche più (a seconda del numero delle giornate accreditate). Di fatto, l’azienda ha la disponibilità di oltre 36 ettari di terreno, coltivati prevalentemente ad uliveto, solitamente con la collaborazione di non più di tre o quattro operai. Al termine dell’attività investigativa, sono stati denunciati 58 persone (56 falsi braccianti e 2 imprenditori agricoli), per i reati di truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato e falsità ideologica. Conseguentemente, i competenti uffici dell’Inps hanno provveduto all’emissione di singoli provvedimenti di disconoscimento per tutti i rapporti di lavoro ritenuti fittizi nonché all’attivazione delle procedure di recupero delle prestazioni economiche erogate, risultate non dovute.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!