Sen. Buccarella come il dottor Stranamore

Roma. Anche il mite e competente senatore Maurizio Buccarella vittima del 'metodo Grillo'. La colpa? Un emendamento per abrogare la Bossi-Fini

Per Beppe Grillo: “il Movimento 5 Stelle non è nato per creare dei dottor Stranamore in parlamento senza controllo”. Quindi nessun parlamentare del M5S può avanzare proposte di legge senza il consenso del comico e di Gianroberto Casaleggio. L'attacco, durissimo, è rivolto al leccese Maurizio Buccarella, Senatore della Repubblica, avvocato, militante del movimento sin dalla prima ora. La sua colpa, assieme al collega Andrea Cioffi è di aver presentato in commissione Giustizia, facendolo peraltro approvare anche con i voti del PD, un emendamento per l'abolizione del reato di clandestinità contenuto nella legge Bossi-Fini. Il metodo per questa pubblica “cazziata” è il solito post sul blog. Secondo Grillo e Casaleggio la posizione di Cioffi e Buccarella è del tutto personale e non faceva parte del programma. “Non siamo d'accordo sia nel metodo che nel merito” dichiarano in coro il comico e il santone, sconfessando (anzi sputtanando) i due parlamentari. L'attacco è infatti durissimo: “nessun portavoce può arrogarsi una decisione così importante senza consultarsi”; e ancora “il M5S e i cittadini che ne fanno parte sono un'unica entità”; fino al delirio finale di Grillo-Casaleggio: “questo emendamento è un invito agli emigranti dell'Africa e del Medio Oriente a imbarcarsi per l'Italia”. Stasera è prevista un'infuocata riunione dei parlamentari a 5 stelle. La guardia pretoriana di Grillo già è pronta a bastonare i due senatori “ribelli”. Buccarella e Cioffi però si difendono: “Il nostro non è stato un errore. Pensiamo invece di aver svolto il nostro lavoro al meglio”. E Maurizio Buccarella ha aggiunto: “Probabilmente ci possono essere sistemi da affinare e da migliorare nella condivisione di scelte più delicate. Potremmo aver sottovalutato la portata di quell'emendamento, magari potendo difficilmente immaginare che sarebbe passato in commissione. Per l'aula avremo tutto il tempo di chiarirci tra di noi e con lo staff”. Lo staff… E la libertà e dignità di un Parlamentare?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!