Sei incontri sul Pptr

Lecce. L’ordine degli architetti propone degli incontri tematici sul piano paesaggistico. Il primo oggi a Galatina, ore 18, Palazzo della Cultura

Lecce. Da oggi avranno inizio i sei incontri sul Piano Paesaggistico Territoriale Regionale organizzato dall’ordine degli architetti di Lecce. Si partirà da Galatina, ore 18, Sala “Contaldo” del Palazzo della Cultura, la fase di ascolto ed approfondimento, gli architetti per l’occasione hanno scelto di decentrare gli appuntamenti nelle sei aree individuate dai Gruppi Territoriali. Dopo Galatina, gli incontri proseguiranno, tutti con inizio alle 18, martedì 8 ottobre a Nardò, sala “Paolotti” della Chiesa di San Francesco da Paola; mercoledì 9 ottobre a Maglie, sala consiliare del Municipio; venerdì 11 ottobre a Gallipoli, Sala dell’ex Mercato Coperto; lunedì 14 ottobre a Tricase, Scuderie del Palazzo Gallone; martedì 15 ottobre a Lecce, presso la sede dell’Ordine, Galleria Piazza Mazzini, Lecce. “Dopo l’adozione da parte della Regione Puglia del Piano Paesaggistico Territoriale”, si legge nell’invito, “si rende opportuna, alla luce delle importanti innovazioni che il Piano contiene, e necessaria, alla luce delle Norme transitorie e delle Norme Tecniche di Attuazione, una fase di ascolto ed approfondimento da parte di noi tutti. Un approfondimento opportuno anche in considerazione dell’intenso dibattito che l’approvazione del Piano ha generato, della discussione emersa nel corso degli incontri promossi dalla Regione a Foggia, Bari, Lecce, dei differenti punti di vista che si sono articolati nelle sedi preposte e sulla stampa, delle differenti prese di posizione di tecnici, docenti, giuristi, uffici tecnici, rappresentanti degli Enti territoriali e, ultima ma non ultima, di quella assunta congiuntamente, in sede regionale, dalle Federazioni e Consulte di Architetti Ppc, Ingegneri, Agronomi e Geometri”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!